I Sette Colli di Edimburgo

Dove poggia la città

Sapevate che Edimburgo è costruita su sette colli? Eh sì, proprio come Roma. Se ne parlate con gli scozzesi vi diranno che in realtà le colline della città sono molte di più, ma quelle ufficiali sono sette e di queste vi parleremo in questo post.

1. Arthur’s Seat

Arthur’s Seat è la collina vulcanica che occupa quasi l’intera area del Parco di Holyrood in fondo al Royal Mile. È la più alta di tutta Edimburgo e la più grande delle tre che formano il vulcano con lo stesso nome. Il nome Arthur’s Seat è di origini incerte. Secondo molti si deve ad una relazione diretta della collina con le leggende di Re Artù. Alcuni pensano addirittura che qui si trovasse Camelot, mentre altri avanzano una proposta un po’ più credibile: “Arthur” non sarebbe altro che una corruzione di “Archers’ Seat”, riferito al luogo in cui si appostavano gli arcieri per poter avere una prospettiva privilegiata in caso di attacco nemico.

Arthur's Seat.

Arthur’s Seat. Fonte: David Monniaux (Own work) [GFDL, CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

Arthur’s Seat è in realtà solo la cima più alta, quella che tutti i visitatori aspirano a raggiungere. È infatti meta di moltissimi camminatori, sia abitanti della città che viaggiatori di passaggio. Le domeniche e tutti i giorni di sole si possono scalare i 251 metri della collina e godersi un panorama a 360 gradi di tutta la città e della regione circostante, Edinburgh and the Lothians.

2. Calton Hill

Calton Hill si trova proprio alla fine di Princes Street e rientra nel territorio nominato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. È una delle colline in assoluto più famose della città. Il nome Calton deriva dal nome “Cragingalt” con il quale Giacomo II la consegnò alla città di Edimburgo e che a sua volta deriva dall’antico inglese per “dove cresce il bosco”. Da questo nome, poi modificato in Caldtoun, si arriva all’attuale Calton.

Calton Hill

Calton Hill. Fonte: Saffron Blaze (Own work) [CC BY 3.0], via Wikimedia Commons

Sulla cima di Calton Hill troviamo alcuni tra i più famosi monumenti di Edimburgo: il Monumento Nazionale ai caduti delle guerre napoleoniche, il Monumento a Nelson e l’Osservatorio astronomico. La passeggiata a Calton Hill, però, non si fa solo per vedere i monumenti ma anche per ammirare il magnifico panorama che da lì si gode. Da uno dei suoi angoli, con il monuento a Dugald Stewart come protagonista, si ottiene una delle fotografie più conosciute di Edimburgo. Per saperne di più leggete il nostro post dedicato a questa collina.

3. Castle Rock

Castle Rock è senza dubbio il più famoso dei sette colli. La cima si trova a 130 metri sul livello del mare. Circa 350 milioni di anni fa, nel periodo Carbonifero, questa collina era un vulcano attivo. Oggi, proprio dove anticamente si trovava uno dei lati del cratere, sorge il monumento più visitato di tutta la città, il Castello di Edimburgo, e da lì parte la strada più famosa del centro di Edimburgo, nonché l’unica via per raggiungere il castello facilmente: il Royal Mile. Quest’ultima era una lingua di lava fuoriuscita dall’antico vulcano e poi solidificatasi a formare una pendenza più dolce dando la possibilità di risalire per la collina.

Castle Rock

Castle Rock. Fonte: Jericho (Own work) [GFDL or CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

Grazie alla protezione offerta dai versanti di pietra vulcanica che rendono molto difficile l’accesso alla cima, questo si presentava come il luogo ideale per costruire il primo insediamento di quella che sarebbe diventata Edimburgo e che diede origine al castello così come lo conosciamo oggi. Per saperne di più sulla storia del castello e per visitarlo con la guida di un esperto partecipate alla Visita Guidata del castello di Edimburgo di Scozia Tour.

4. Corstorphine Hill

Questa collina di appena 161 metri di altezza, si trova in uno dei quartieri periferici ad ovest di Edimburgo, Corstorphine, da cui la collina stessa deriva il suo nome. A differenza delle altre tre questa non è un antico vulcano, ma è composta in gran parte da roccia ignea, ovvero formatasi per il raffreddamento della lava sotto la superficie delle altre rocce. Un tipo di pietra molto dura che ha permesso alla collina di resistere all’erosione e agli agenti atmosferici per ben 350 milioni di anni!

Costorphine Hill.

Costorphine Hill. Fonte: Callum Black [CC BY-SA 2.0] via Geograph

La maggior parte delle case che formano il piccolo quartiere di Corstorphine sono costruite sui fianchi boscosi della collina, oggi uno dei parchi più grandi di Edimburgo. Il versante nord ha ospitato un bunker nucleare e una stazione radar durante la Guerra Fredda, mentre sul versante orientale si trova il campo da golf di Murrayfield. Sulla cima si trovano due antenne radio e una torre dedicata a Walter Scott. Da non perdere è il panorama che si può godere dalla torre e una visita all’Edinburgh Zoo, ai piedi della collina.

5. Braid Hills

Le Braid Hills si trovano a Sud-Est di Edimburgo, sono le più meridionali tra i sette colli su cui è costruita la città. La cima si trova a 213 metri dal livello del mare e da lì è possibile ammirare le altre colline e la città sottostante.

Braid Hills.

Braid Hills. Fonte: Kevin Rae [CC BY-SA 2.0] via Geograph

Questa zona è molto conosciuta anche per i suoi campi da golf dove è possibile andare a giocare o imparare questo sport originario della Scozia con corsi per tutti, grandi e piccini. Le Braid Hills sono anche uno dei luoghi preferiti dalle famiglie in inverno quando è possibile passare una giornata divertente sulla neve giocando con gli slittini. Un’altra attrattiva di questa collina sono i maneggi dove è possibile fare un giro su un pony.

6. Blackford Hill

Blackford Hill raggiunge i 164 metri sul livello de mare. Si trova tra Morningside e Braid Hills e occupa un territorio di circa 60 ettari che unisce l’Hermitage of Braid e la Blackford Hill Local Nature Reserve. La Edinburgh Corporation comprò questa collina nel 1884 e nel 1938 vi fu annesso l’Hermitage of Braid regalato alla città di Edimburgo dal suo proprietario, John McDougal. Questa ampia area verde, da allora fu utilizzata come parco cittadino.

Blackford Hill.

Blackford Hill. Fonte: Kim Traynor (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Sulla cima si trova un antico fortino considerato un monumento a tutti gli effetti e per questo protetto da possibili modifiche non autorizzate. Ma l’edificio più importane della collina è il Royal Observatory Edinburgh dove si porta avanti la ricerca in campo astronomico e si svolgono lezioni della facoltà di astronomia. Anche Blackford Hill è spesso meta degli amanti del trekking che possono realizzare bellissime passeggiate nel verde e lungo le rive del piccolo fiume, il Braid Burn.

7. Craiglockhart Hill

La collina di Craiglockhart è un complesso formato da due cime, una ad est e l’altra ad ovest, e si trova nel quartiere periferico omonimo. Si tratta di una collina vulcanica che 17.000 anni fa, durante la glaciazione, fu ricoperta da uno spesso strato di ghiaccio che quando si sciolse la lasciò tagliata in due, così come la vediamo oggi.

Craiglochkart Hill.

Craiglockhart Hill. Fonte: Richard Webb [CC BY-SA 2.0] via Geograph

Craiglockhart Hill è un oasi verde di pace e tranquillità in cui rifugiarsi quando la confusione della città ci sovrasta. È possibile seguire diversi sentieri in mezzo al verde lungo i quali incontrerete diverse specie vegetali e animali come i cigni e le papere negli stagni disseminati lungo il parco o, nei boschetti di pini e querce, perfino qualche gufo.

Sulla “Settima collina” c’è sempre stato un gran dibattito, dato che la città si è formata attorno a Castle Rock e le altre si sono aggiunte via via, ma si trovano tutte nella zona “moderna” di Edimburgo. Molti non riconoscono queste come le sette colline e affermano che andrebbero considerate invece tutte quelle che si trovano sotto le case della zona nuova di Edimburgo.

Agli scozzesi l’ardua sentenza, noi intanto ci godiamo una passeggiata su ogni collina e il panorama che si può contemplare da ognuna delle cime.

È possibile visitare alcune di queste colline nel nostro tour panoramico di Edimburgo.

Facebook

sara

Posts

Facebookyoutube

No Comments

Be the first to start the conversation.

Leave a Reply

Text formatting is available via select HTML. <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*