Il Parco Nazionale di Loch Lomond e delle Trossachs

Il Parco Nazionale di Loch Lomond e delle Trossachs è un’ampia area al centro della Scozia che si estende dalla costa orientale verso le Highlands per un totale di 1865 chilometri quadrati. Il Parco si trova in una zona che nel corso della storia ha rivestito un ruolo di grande importanza strategica, come dimostrano i moltissimi castelli che sono stati costruiti da queste parti. Ci troviamo infatti a metà strada tra le Highlands e le tre città principali scozzesi, Glasgow, Stirling ed Edimburgo. Addentratevi in questi paesaggi meravigliosi in compagnia di una delle nostre guide in italiano con il Tour di Glasgow, Loch Lomond, Loch Katrine e Castello di Doune offerto da ScoziaTour.

Poesia di Laghi e Montagne

Questo territorio è stato dichiarato parco nazionale dal parlamento scozzese nel 2002 e ospita una gran varietà di habitat naturali e di specie animali, molte delle quali sono in estinzione al di fuori del parco. L’acqua è la grande protagonista del parco che conta più di 22 laghi di grandi dimensioni, tra cui tre laghi salati lungo la costa, e oltre 50 fiumi e corsi d’acqua. Il resto del territorio si divide tra montagne e foreste. Le montagne che superano i 900 m, chiamate munros, sono 20, mentre 19 sono quelle tra i 700 e i 900 m, note come corbettes. L’ambiente boschivo è invece protetto dai due parchi forestali: il Queen Elizabeth Forest Park, nella zona delle Trossachs, e l’Argyll Forest Park.

Le quattro zone del parco

Il Parco Nazionale dei Loch Lomond e delle Trossachs si divide in quattro zone, ognuna con il suo paesaggio, la sua flora e la sua fauna: Loch Lomond, le Trossachs, Breadalbane e Argyll Forest.

  • Loch Lomond

Loch Lomond

Loch Lomond. Fonte. wfmillar [CC BY-SA 2.0] via Geograph

Questa zona è caratterizzata dalla più grande estensione di acqua dolce di tutto il Regno Unito, appunto il Loch Lomond, con una superficie pari a 71 chilometri quadrati. Ricoprendo una così vasta area, i paesaggi formati dalle rive del lago cambiano radicalmente. A nord le ripide pareti delle montagne scendono a strapiombo verso il lago, che in quel punto si restringe, marcando le acque più profonde. Più a sud, invece, il bacino lacustre si allarga, si abbassa ed è punteggiato da tante piccole isolette. Se ne contano fino a 35, tra cui l’isola lacustre più grande di tutta la Gran Bretagna, l’isola di Inchmurrin.  Da queste parti è possibile visitare anche il Castello di Balloch, costruito nel 1808 con le pietre di un altro castello che sorgeva lì vicino. Quest’ultimo, risalente al 1238 e occupato fino a circa il 1390, apparteneva al Conte di Lennox. Data la sua grandezza, oggi Loch Lomond è una delle principali riserve idriche per Edimburgo, Glasgow e gran parte della Scozia del Sud.

  • Argyll Forest

Duchess Wood ad Argyll

Duchess Wood ad Argyll. Fonte: Lairich Rig [CC BY-SA 2.0] via Geograph

Per chi preferisce paesaggi di montagna a quelli lacustri, la foresta di Argyll, il primo parco forestale della Gran Bretagna, vi accoglierà tra i suoi rigogliosi alberi, che crescono a distesa lungo la costa dei laghi salati fin su, verso le Arrochar Alps. Qui si trova il passo di Glen Croe, uno dei punti più alti di tutto il parco e il panorama mozzafiato vi farà dimenticare in un attimo tutta la fatica della salita. La foresta di Argyll è infatti anche nota per i numerosi percorsi di trekking e mountain bike che la attraversano, in grado di regalare emozioni indimenticabili agli amanti dell’avventura.

  • Le Trossachs

Loch Katrine

Loch Katrine. Fonte: StaraBlazkova (Own work) [CC0 PD] via Wikimedia Commons

La regione delle Trossachs vere e proprie, questa imponente catena montuosa, è il territorio che separa Aberfoyle da Loch Katrine. È una zona ricca di bellissimi laghi e valli incontaminate, che ha ispirato nei secoli diversi scrittori, come Sir Walter Scott o Daniel Defoe, e continua ancora oggi ad affascinare l’immaginario collettivo. Il contrasto tra il tipico paesaggio delle Lowlands e quello delle Highlands colpisce il viaggiatore che da Aberfoyle si dirige verso Loch Katrine percorrendo i tornanti del Passo del Duca (Duke’s Pass), intitolato al duca di Montrose che un tempo dominava queste terre. Qui vivevano anche diversi clan, come quello dei MacGregor, di cui Rob Roy era a capo nel XVIII secolo.

  • Breadalbane

Breadalbane

Breadalbane. Fonte: Steve Garvie [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons

Breadalbane è la terra dei giganti, la zona che racchiude le vette più alte del parco nazionale. Ben Lui, Ben Challum, Ben More sono solo alcuni dei giganti che abitano il territorio tra Tyndrum e Killin, svettando le loro alte cime nel cielo e sfidando il proverbiale e incessante vento scozzese da secoli e millenni ormai. Un luogo quasi incontaminato, degno degli avventureri più coraggiosi.

Il fascino del Parco del Trossachs

Statua di Rob Roy -

Statua di Rob Roy. Fonte: David Dixon [CC BY-SA 2.0] via Geograph

La zona del Parco Nazionale del Trossachs è stata nei secoli al centro della storia dei Clan ai quali si deve gran parte del patrimonio sociale e culturale della zona. Tra gli altri, ricordiamo, per esempio, il Clan McGregor, Campbell, McFarlane. Diversi scrittori si sono ispirati alle vicende dei clan giacobiti, narrando delle difficili condizioni di vita tra XVIII e XIX secolo, come ad esempio Sir Walter Scott, romanziere e poeta nazionale scozzese. Il suo romanzo Rob Roy, dedicato alle gesta di quello che è stato considerato il “Robin Hood scozzese”, parla delle lotte di Robert MacGregor contro il Duca di Montrose e i suoi fedeli che vivevano in queste stesse terre. Anche i laghi della zona hanno affascinato la letteratura, e proprio Loch Katrine, per molti il lago più bello di tutta la Scozia, è dove lo stesso Walter Scott ha ambientato un altro dei suoi famosi scritti, ovvero La Donna del Lago (The Lady of the Lake), un poema epico che riprende le leggende arturiane.

Un altro personaggio storico che rimase affascinato da queste terre fu nientemeno che la Regina Vittoria, che si fece costruire una casa sulle rive di Loch Katrine dove passare le vacanze. Amante della cultura, della storia e della musica delle Highlands, questa regina non perdeva occasione di ritirarsi verso nord per godere dei paesaggi incantevoli e della quiete quasi assoluta.

Anche il famoso poeta inglese William Wordsworth passeggiò con la sorella per i sentieri di questo parco e scrisse qui la sua To a Highland Girl. Oltre agli scrittori, anche molti pittori sono stati ispirati dai paesaggi da sogno del parco. Si possono seguire le orme di tutti gli artisti seguendo la “Art and Literary Trail”, il percorso dell’arte e della letteratura tracciato all’interno del parco da diversi percorsi a piedi.

I centri principali del Parco Nazionale: Aberfoyle, Callander e Dumbarton

  • Aberfoyle

Aberfoyle

Aberfoyle. Fonte: Edward McMaihin [CC BY-SA 2.0] via Geograph

Aberfoyle è il punto di partenza per tutti coloro che desiderano scoprire le Trossachs. Tutte le informazioni relative ai migliori itinerari in bicicletta o sui sentieri da percorrere partendo dal paesino stesso sono disponibili in due diversi Visitor Centre: uno al confine con il Queen Elizabeth Forest Park e un altro giù in paese. Al David Marshall Lodge Visitor Centre vicino la Queen Elizabeth Forest troviamo un’esposizione di tutti gli uccelli tipici della zona, organizzata dalla Società Reale di Protezione degli Uccelli, mentre durante l’estate, nello Scottish Wool Centre in città è possibile vedere i diversi tipi di pecore e bestiame allevati in zona, e assistere a simpatici spettacoli con i cani pastore.

  • Callander

Callander.

Callander. Fonte: Colin Smith [CC BY-SA 2.0] via Geograph

A differenza di Aberfoyle, Callander non è molto famosa, anche se per gli scozzesi è uno di quei tipici posti dove passare un fine settimana. Questo fa della cittadina il secondo centro principale da dove partire alla scoperta del parco e dei suoi percorsi per escursioni.
Tutta la zona intorno a Callander merita una visita, infatti è in uno dei paesini vicini che troviamo uno dei castelli più popolari di tutta la Scozia: il Castello di Doune. Costruito nel XIV secolo, era la dimora del Duca di Albany, fino a quando durante la guerra civile che pose fine al regno di Maria Stuarda, la regina alloggiò lì. Oggi di proprietà di Historic Scotland e visitabile, il castello di Doune fa spesso da location per diversi film: qui è stato girato, tra gli altri, il famoso film dei Monty Pyton: I Monty Pyton e il Sacro Graal, di cui parliamo nel post dedicato ai Film Girati in Scozia.

  • Dumbarton

Dumbarton

Dumbarton. Fonte: Andrew McEwan [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons

Dumbarton è un paesino che si trova alle porte della zona di Loch Lomond e delle Trossachs arrivando da Glasgow. Una volta capitale del Regno dello StrathClyde che dominava queste zone, era anche il luogo di incoronazione dei loro re. La fortezza sorta sulla cima di un vulcano estinto, proprio come Stirling ed Edimburgo, ha visto la sua importanza strategica crescere nel tempo. è stato proprio al castello di Dumbarton, infatti, che William Wallace, il famoso eroe nazionale scozzese, fu imprigionato prima di partire per Londra, dove fu torturato e condannato a morte.

 

Tutti questi luoghi si possono visitare facilmente con il Gran Tour di Scozia da 8 giorni offerto da ScoziaTour. E se non avete abbastanza tempo, anche il nostro giro in giornata tra Glasgow, Doune e i laghi vi permetterà di godere dell’atmosfera incatata del parco nazionale di Loch Lomond e delle Trossachs.

Facebook

s.martin

Posts

Facebookyoutube

No Comments

Be the first to start the conversation.

Leave a Reply

Text formatting is available via select HTML. <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*