Category Archives: Visitare Edimburgo

autobus-areoporto-edimburgo

Il trasporto pubblico ad Edimburgo e le zone di parcheggio

No Comments 1572 Views0

Edimburgo non è una città molto grande e si può girare a piedi tranquillamente ma nel caso in cui si desideri spostarsi più rapidamente, in questo post troverete consigli sui mezzi pubblici della città, taxi, treni e anche i parcheggi, per essere preparati ad ogni evenienza!

1. Trasporti pubblici

Ad Edimburgo non c’è la metropolitana, ma ci si può spostare tranquillamente con l’efficientissima rete di autobus urbani, taxi, treni e, non ultimo, il tram.

  • Autobus urbani (Lothian buses)

Come accennato sopra, la rete di autobus urbani di Edimburgo offre un servizio a dir poco ottimo, non solo per la qualità degli autobus che usano, ma soprattutto per la frequenza con cui passano. Un altro fattore da non sottovalutare è, in molti casi, la simpatia degli autisti. Quando infatti ci si accinge ad entrare in uno di questi giganti a due piani, spesso la prima cosa che si nota è proprio il sorriso dell’autista, insieme alla tappezzeria con una tipica stampa del tartan scozzese.

Importante da sapere: nel momento in cui si prende un autobus il biglietto si paga direttamente all’autista lasciando il denaro in un’apposito contenitore e …non danno il resto! Perciò organizzatevi prima e preparate l’importo esatto del biglietto che equivale a £ 1.60 per gli adulti e £ 0.80 per i bambini. Questo è il costo di un viaggio (single ticket). Nel caso in cui si pensi di fare più di due viaggi, sicuramente è più conveniente il “day ticket”, biglietto giornaliero, che al prezzo di £ 4 permette di fare tutti i viaggi desiderati su qualsiasi autobus. Il prezzo per i bambini in questo caso sarebbe di £ 2.

Qui troverete tutte le informazioni sugli autobus urbani della città di Edimburgo. Vi consigliamo la sezione “journey planner” (organizzatore di viaggio) che vi permette di impostare punto di partenza e di arrivo e orario di partenza o arrivo in modo da organizzarvi con anticipo per ogni spostamento in città. È possibile anche scaricare l’applicazione sul vostro smartphone o consultare gli schermi presenti nelle fermate principali della città.

Una particolarità che certamente noterete è che le pensiline delle fermate degli autobus sono girate al contrario. Vengono montate in questo modo, fondamentalmente  per ripararsi dai forti venti che soffiano in città e dalle piogge torrenziali possibili in qualsiasi mese dell’anno.

  • Autobus da/per l’aeroporto

Il mezzo più usato per arrivare all’aeroporto di Edimburgo è l’autobus numero 100, altrimenti conosciuto come “Airlink”. Il prezzo attuale è di £ 4.50 a persona solo andata (single ticket) e c’è la possibilità di acquistare anche un biglietto andata e ritorno (Return) che ha il prezzo di £ 7.50. Per qualsiasi altra informazione vi consigliamo di visitare il sito web del servizio Airlink. Quest’autobus parte dalla stazione di Waverley (la stazione dei treni), circa ogni 10 minuti durante il giorno e ogni 30 minuti durante la notte (è sempre conveniente consultare la loro pagina per eventuali modifiche).

Che collega l’areoporto alla città c’è anchelo Skylink 200 o 300. Recentemente inaugurato è un servizio che permette ai viaggiatori di raggiungere il nord della città di Edimburgo .

autobus-del-aeropuerto-de-edimburgo

  • Tram

Dal 31 di maggio 2014 il tram è entrato a far parte della vita degli edimburghesi e non senza controversie e critiche. Questo nuovissimo mezzo di trasposto ha con chi vive ad Edimburgo una relazione di amore-odio dovuta agli enormi disagi per i lavori per la sua costruzione (8 anni di lavori che hanno quasi paralizzato il centro della città invece dei 5 previsti), ai costi che sono più che raddoppiati con conseguente aumento delle tasse sulla popolazione ed ingorghi interminabili. Dato tutto ciò, potrete comprendere il perchè gli edimburghesi si riferiscono al tram senza pronunciare la parola ma dicendo semplicemente “T-Word”.

Il tram fa parte della rete di trasporti di Lothian ed è un’unica linea su rotaie che collega il centro della città all’aeroporto, quindi è un’altro modo di arrivare in città al vostro atterraggio ad Edimburgo. Il costo del single ticket per girare in città è lo stesso dell’autobus, mentre per andare in aereoporto costa una sterlina in più, £ 5.50 (single ticket) oppure 8.50 a/r.  Qui troverete tutte le informazioni utili sul tram.

  • Taxi

In moltissime città normalmente prima di prendere un taxi lo si pensa due volte, considerati i prezzi in genere proibitivi, soprattutto nel caso in cui si tratti di turisti e nei tragitti da e per l’aeroporto. Potrà sembrare strano, ma qui ad Edimburgo è uno dei mezzi di trasporto più usati dai cittadini ed anche dai turisti ben informati. Innanzitutto c’è da dire che le distanze in questa città non sono molto lunghe ed i taxi in genere hanno 5/6 posti, per cui, soprattutto se si è in gruppo, dividendo la spesa il costo a persona risulta molto simile a quello di un autobus. Oltre a tutto questo, il vantaggio è che ci sono molte compagnie che permettono di prenotare telefonicamente e vi verranno a prendere a qualsiasi ora anche della notte.

Tra le compagnie che potete chiamare per prenotare un taxi ve ne segnaliamo alcune: Capital cars, City cabs, Central Taxis.

2. Trasporto interurbano

  • Autobus (Edinburgh Bus Station)

Gli autobus utili anche a livello interurbano, si possono trovare proprio al centro della città nella piazza di St. Andrews (St Andrews Square). Hanno come destinazioni Glasgow, Berwick-upon-Tweed, Perth, Dundee, Aberdeen, Fife, ecc. Ci sono anche alcune destinazioni in Inghilterra e Galles. I prezzi sono generalmente abbastanza economici ed i mezzi molto comodi. È dunque una buona opzione nel caso in cui si voglia risparmiare qualcosa rispetto al prezzo dei treni. Sul sito di Citylink troverete tutte le informazioni.

  • Treni (Waverley Station)

La stazione di Waverley si trova esattamente nel cuore della città, sul lato nord dell’antica Old Town, vicinissima al ponte nord (North Bridge), che separa la parte vecchia della città da quella nuova. Prendere il treno per una qualsiasi destinazione della Scozia o del Regno Unito è l’opzione sicuramente più comoda. Il prezzo è più alto rispetto a quello dell’autobus e, a volte, anche più alto di quello di un aereo, ma sicuramente potrete godervi gli stupendi paesaggi del posto ed arrivare sempre puntuali! Le destinazioni più frequenti sono: Aberdeen, Birmingham, Bournemouth, Cambridge, Cardiff, Dundee, Glasgow, Manchester, Newcastle, Londra, ecc. Le compagnie più frequenti sono ScotRail e Virgin Trains.

scot-rail-train-edinburgh

http://www.bbc.co.uk/news/uk-scotland-scotland-business-33442929

3. Parcheggi

Nel caso in cui venendo in Regno Unito siate così coraggiosi da affittare una macchina e buttarvi nel traffico al contrario di questo Paese, vi tornerà sicuramente utile qualche consiglio sui parcheggi di Edimburgo. Di seguito troverete una piccola guida con tutte le informazioni utili su dove parcheggiare, gli orari e i costi.

  • Parcheggi a pagamento (Pay and Display)

È molto frequente trovare le “pay and display parking areas”, ossia le macchinette dove prendere il biglietto da esporre in bella vista sul cruscotto per un parcheggio di breve durata. Queste aree si trovano nel centro di Edimburgo (Edinburgh City Centre). Ci sono circa 500 macchinette e circa 5500 posti disponibili per parcheggiare in città. In base al posto in cui ci troviamo il biglietto del parcheggio ha un costo di circa £ 0.70 fino a £ 1.80 all’ora ed, ovviamente, il prezzo aumenta a seconda di quanto ci si trovi vicino al centro della città. Sul biglietto apparirà l’ora di scadenza del vostro parcheggio.

  • Zone dove parcheggiare ad Edimburgo (Parking Permit Zones)

All’interno delle aree “pay and display” esistono diverse zone della città che hanno un prezzo diverso sempre a seconda della vicinanza o lontananza dal centro. Per chi vive qui c’è anche la possibilità di richiedere un permesso di residenti (Permit holders).

  • Parcheggio di lunga durata (Car parks)

Ci sono circa 39 parcheggi di lunga durata ma qui di seguito troverete informazioni su quelli più vicini alle varie attrazioni della città.

1. Castle Terrace Park:
Ai piedi del castello di Edimburgo troveremo questo parcheggio di vari piani, coperto, che ha 750 posti disponibili 24 ore su 24 tutti i giorni eccetto il giorno di Natale. Lasciare la macchina qui per tutto il giorno costa £ 28 circa. Due ore di parcheggio costano £ 9.
Indirizzo: Castle Terrace, Edinburgh, EH1 2EW
Telefono: (0044) 845 050 7080

2. Sheraton Hotel Car Park:
Anche questo è molto centrale e si trova in Lothian Road. È al coperto ed è un po’ più economico nel caso in cui si alloggi nell’hotel, dato che in quel caso si pagano £ 12 per 24 ore di parcheggio. Se non si è ospiti dell’hotel i prezzi sono, più o meno: £ 4 per un’ora, £ 6 per 2 ore, £ 8 per 3 ore, £ 10 per 4 ore, e così via fino ai £ 20 al giorno. Questo parcheggio ha meno capacità di quello precedente, per un totale di 120 veicoli. Apre 24 ore su 24 dal lunedi alla domenica.
Indirizzo: 1 Festival Square, Edinburgh, EH3 9SR
Telefono: (0044)(131) 229 9131

3. Travelodge Edinburgh Central:
Molto vicino a quello suddetto si trova questo parcheggio ancora più grande nel cuore della Old Town. E’ più economico ma nel caso in cui si voglia lasciare il proprio veicolo per tutta la notte, bisognerà comprare il biglietto sempre prima di mezzanotte. Il parcheggio non è al coperto ma ha telecamere di sicurezza e 60 posti disponibili. I prezzi attualmente sono intorno a £ 2 per un’ora, £ 4 per 3 ore, £ 8 per 5 ore, £ 25 per 24 ore.
Indirizzo: 33 St Mary´s Street, Edinburgh, EH1 1TA

4. St Leonards Street:
Non molto lontano dal centro c’è un altro parcheggio aperto 24 ore. Non è coperto ed ha 100 posti disponibili per qualsiasi tipo di mezzo. Il prezzo approssimativo è di £ 2.50 per un’ora, £ 12.50 per 12 ore. Apre da lunedi a venerdi.
Indirizzo: 62 St. Leonards Street, Edinburgh, EH8 9SW

E per chi volesse godere al massimo della città di Edimburgo, l’opzione migliore è quella di percorrerla a piedi o utilizzare la bicicletta come mezzo di trasporto.

In bicicletta oa piedi, ogni modo è perfetto per avvicinarsi agli angoli più pittoreschi e inaccessibili. Esiste una rete di piste ciclabili che consente agli utenti di spostarsi in sicurezza e, in alcuni casi, senza traffico. È vero che alcune zone di Edimburgo sono caratterizzate da forti pendenze, ma alcuni autobus offrono la possibilità di utilizzare il servizio con la bicicletta (purché non sia nelle ore più frequentate).
C’è anche Water of Leith la passeggiata che attraversa 15 km del fiume omonimo, attraversa la città per terminare al porto di Leith. Un’alternativa per spostarsi da nord a sud nel bel mezzo di un paesaggio naturale. Chi invece preferisce camminare può passeggiare nelle strade acciottolate della Città Vecchia o negli ampi viali della Città Nuova.  Luoghi rappresentativi come Calton Hill, Arthur’s seat o Dean Village sono i posti migliori per godersi i paesaggi e la brezza della capitale.

Ad ogni modo, a piedi o con mezzi di trasporto, Edimburgo sarà una città con molti posti in attesa di essere scoperti.

bicicleta-en-edimburgo

 

Il nostro post termina qui, speriamo di esservi stati utili con queste informazioni e vi aspettiamo qui in Scozia al più presto!

old -town-edimburgo

Migliori pub scozzesi nella Old Town di Edimburgo

No Comments 1823 Views1

Dove mangiare e bere nel centro storico

La Old Town è la zona più turistica della città ed è piena zeppa di locali dove mangiare e bere.
I pub nella Old Town sono tanti e diversi tra loro sia per l’ambiente che per il tipo di clientela, ma tutti meritano una visita per assaggiarne le specialità e sperimentarne l’atmosfera.
Ogni pub di cui vi parliamo spicca per qualcosa di particolare: le strane storie che se ne raccontano, il luogo in cui sono situati i concerti che organizzano o la gente che lavora lì, oltre alla tipica cucina scozzese che allieterà i vostri palati. Alcuni di quelli che vi proponiamo in questa lista non esaustiva sono tra i migliori pub di Edimburgo, prendetevi il tempo per esplorarli tutti e troverete di sicuro il vostro preferito!

*È importante non dimenticare che l’ingresso ai pub, se non diversamente specificato, è proibito ai minorenni a partire dalle 20:00. Inoltre, durante la stagione invernale, molte cucine chiudono alle 21.00.

1. Greyfriars Bobby’s Bar (££)

In un’altra zona molto centrale della città troviamo questo locale,che sorge tra il grandioso edificio del Museo Nazionale della Scozia e il cimitero storico di Greyfriars. Anche se può sembrare un pub come tanti altri, al pianterreno di una serie di edifici vittoriani che si affacciano sul cimitero, questo posto occupa un posto speciale nel cuore degli abitanti di Edimburgo essendo legato alla storia di una delle mascotte della città: il piccolo Skye Terrier Bobby.

Si racconta che il proprietario del pub si occupava di dare da mangiare al piccolo cagnolino che era a guardia della tomba del suo padrone, John Gray seppellito a Greyfriars, quindi si decise di dare il suo nome al locale. Se però volete conoscere i dettagli della storia che all’epoca commosse i cuori degli abitanti della città e che ancora oggi emoziona milioni di visitatori, non perdetevi la passeggiata storica di Edimburgo, nella quale potrete vedere le tombe di John Gray e del suo fedele Bobby, il pub e una piccola statua in onore al cane più famoso della città.

Indirizzo: 30-34 Candlemaker Row, Edinburgh EH1 2QE

2. The Last Drop (££)

Pub Last Drop a Edimburgo

Last Drop. Fonte: Kim Traynor [CC BY-SA] via Geograph

Al vederla oggi, ci risulta difficile pensare che fino al XIX secolo Grassmarket era il luogo dove si svolgevano moltissime delle esecuzioni capitali ordinate dall’ intransigente giustizia scozzese. Al pub The Last Drop (letteralmente “L’ultimo sorso”), i condannati potevano bere il loro ultimo bicchiere prima di essere giustiziati davanti agli occhi entusiasti di centinaia di persone. Entrando farete un salto indietro nel tempo, e vi ritroverete in una taverna buia, con travi in legno e archi in mattoni che portano ad una zona decorata con centinaia di banconote di tutto il mondo e di tutte le epoche.

Sia a pranzo che a cena troverete un ricchissimo menù di piatti tipici locali tra cui salmone e haggis, hot dog e hamburger, il tutto accompagnato da una buona pinta di birra o del whisky che qui si prepara in modo speciale, con acqua calda e limone. Nel The Last Drop si dice anche che sia stata vista una bambina in abiti medievali nel sotterraneo e vicino al bancone, dovuto al fatto che, a quanto pare, per la costruzione dell’edificio sia stato utilizzato materiale proveniente da un altro edificio della fine del XVII secolo. Avrete il coraggio di entrarci?

Indirizzo: 74/78 Grassmarket, EH1 2JR

3. The Beehive Inn (£)

All’ombra della roccia del castello sorge Grassmarket, una delle piazze più famose della città, dove turisti e locali si mescolano affollando I numerosi pub, ristoranti e negozi dell’usato che qui vi si affacciano. Il pub che vi consigliamo è tra i più conosciuti per la bontà delle sue birre e del suo tipico cibo scozzese. Qui potrete mangiare una zuppa di cipolle (onion soup) per riprendervi dal freddo, o una torta croccante di verdure (garden crumble pie), oppure un salmone alla griglia (grilled salmon) che normalmente viene servito con verdure e purè di patate.

Oltre alla zona ristorante, troviamo un ampio e fornito bancone e spazio a sufficienza per chiacchierare e ballare. Ma il motivo per cui abbiamo deciso di inserirlo nella lista è che ha un segreto ben nascosto, che si può scoprire solo per caso o leggendo il nostro blog: ha una grande terrazza, a cui si accede solo dall’interno e che permette di mangiare all’ombra dell’imponente Castello di Edimburgo. Ma mi raccomando, non ditelo a nessuno!

Indirizzo: 18-20 Grassmarket, EH1 2JU

4. The Three Sisters (££)

Spostandosi in Cowgate poco lontano, una zona sempre molto frequentata sia di giorno che di notte, si trova un edificio del XVII secolo che nel Settecento era uno dei luoghi più rinomati per il divertimento serale. Il teatro dove le sorelle Mckinnon, Cath, Kitty e Maggie si esibivano in numeri di ballo e canto richiamava numerosi spettatori, fino a quando il Comune decise di chiuderlo per ordine pubblico. Le tre continuarono ad esibirsi di nascosto in spettacoli illeciti in quegli stessi ambienti ma, scoperte nel 19 agosto 1753, furono punite con il “Lock-in”: furono rinchiuse nel teatro dove usavano esibirsi e lasciate a morire di fame e sete.

Nel 1998 ha aperto le porte il pub attuale, chiamato The Three Sisters proprio in onore alle Mckinnon, che da allora è diventato uno dei luoghi di incontro più popolari tra la gente di Edimburgo. Qui si può bere e mangiare la tipica cucina scozzese dei pub e gli amanti dello sport potranno guardare su un enorme schermo le partite più importanti di calcio e rugby davanti a una pinta. Ai piani superiori si trova oggi un albergo, lo Stay Central, nelle cui stanze, nel 1638, si riunirono membri della Chiesa, nobili, aristocratici e borghesi, per stilare il National Covenant” (il patto nazionale), con il quale gli scozzesi si ribellavano al tentativo di imporre loro la religione anglicana da parte di Carlo I, e che ebbe come conseguenza l’esecuzione del re nel 1649.

Indirizzo: 139, Cowgate, Old Town, Edinburgh EH1 1JS

5 The Peartree House (£)

Il Peartree house è uno dei pub più conosciuti dagli edimburghesi e uno tra i preferiti degli studenti che seguono le lezioni all’università di Edimburgo, proprio a due passi dal locale. Si trova in un palazzo storico che per anni è stato residenza di potenti famiglie della città e successivamente è stato anche utilizzato come sede centrale di una distilleria di birra. Ma ciò che veramente lo rende speciale sono i tavoli disposti in un ampio spazio all’esterno, dove gli studenti si riuniscono non appena un timido raggio di sole fa capolino tra le nubi.

Nonostante il clima scozzese, che sembra non adatto a godersi una birra all’aperto, lo spazio esterno del locale è delimitato da muri piuttosto alti che lo proteggono dal forte vento, tipico della zona. Se a questo aggiungiamo l’ampia varietà di whisky e birre scozzesi capiamo subito perché il Pear Tree sia sempre pieno, anche in inverno. In estate, poi, si organizzano grigliate e concerti in un piccolo palcoscenico, montato apposta per il Fringe Festival di Edimburgo.

Indirizzo: 38 West Nicolson Street, Edinburgh EH8 9DD

6. Deacon Brodie’s Tavern (££)

Deacon Brodie's Tavern a Edimburgo

Avvicinandosi di qualche passo al castello, troverete un altro pub singolare di Edimburgo, il Deacon Brodie’s Tavern. Il menù vi sorprenderà per l’ampia scelta, che vi permetterà di mangiare piatti tradizionali di fianco a prelibatezze dei giorni nostri, e per l’attenta selezione di whisky e spirits. Le pareti delle sale di questo pub della Old Town raccontano la storia di un personaggio veramente esistito in città, che ispirò Robert Luis Stevenson a scrivere il suo famoso romanzo Lo strano caso del Doctor Jekyll e Mister Hyde.

William Brodie visse a Edimburgo nella metà del XVII secolo: di giorno era un rispettabile membro del Consiglio Comunale (“Deacon”, decano), mentre di notte si accompagnava con i peggiori elementi della città dedicando ad azioni poco lecite, come scommesse, bevute e incontri con prostitute. Finì per derubare i più ricchi cittadini di Edimburgo per finanziare la sua vita lasciva, vivendo una doppia identità per diversi anni, e quando fu scoperto nel 1788… la fine della storia ve la racconteranno le nostre guide, in una delle nostre passeggiate storiche a Edimburgo.

Indirizzo: 435 Lawnmarket, Royal Mile, Edinburgh, EH1 2NT

7. The Tron (£)

The Tron, che prende il nome dalla chiesa accanto alla quale sorge, è uno dei pub più stregati di Edimburgo. I fenomeni paranormali che infestano la chiesa, a quanto pare hanno ripercussioni anche sul pub. Il locale ha due piani. Il primo ospita una piccola caffetteria mentre il secondo, sotto il livello della strada è la zona del pub vero e proprio, dove si può mangiare sia a pranzo che a cena.

Nonostante i fenomeni infestanti, però, The Tron rimane uno dei migliori pub della Old Town in quanto ad hamburger e hot dog. C’è sempre qualche offerta speciale per pranzo o per gli studenti, ed offre da bere ottime birre scozzesi o whisky del mese. Per passare il tempo tra una pinta e l’altra, il pub mette anche a disposizione un biliardo e un biliardino.

Indirizzo: 9 Hunter Square, Edinburgh, EH1 1QW

8. The World’s End (££)

The World's End Pub a Edimburgo

The World’s End. Fonte: Kim Traynor [CC BY-SA] via Geograph

Procediamo verso la fine della lista con il pub che una volta segnava il confine della città di Edimburgo: The World’s End. Se infatti volete un posto dove respirare la storia scozzese, non c’è luogo migliore del pub che deve il suo nome – “La fine del mondo” – al fatto che proprio qui, sulla Royal Mile, sorgevano le porte di Edimburgo tra XVI e XVII secolo, come ci ricordano i mattoncini dorati lungo posizionati lungo l’incrocio.

A quell’epoca, a causa degli alti pedaggi e del pericolo di ladri, briganti e assalitori, gli abitanti di Edimburgo nascevano, vivevano e morivano dentro le mura della città fortificata, senza preoccuparsi di mettere il naso nel mondo esterno. Come racconta la targa sul muro, non c’è posto più suggestivo dei confini del mondo conosciuto per godervi la cena e un buon whisky scozzese, alla fine di una lunga giornata di camminate, escursioni e tour nei musei della Old Town.

Indirizzo: 4 High Street, Royal Mile, Edinburgh EH1 1TB

9. Clam Shell (£)

L’ultima dritta che vi vogliamo dare ha a che fare con l’ingrediente chiave di ogni vacanza nel Regno Unito: il Fish & Chips. Questo piatto, conosciuto comunemente come “Chips Supper”, permette di mangiare qualcosa di molto nutriente nella breve pausa pranzo che hanno a disposizione i lavoratori scozzesi.

A Edimburgo si può mangiare Fish & Chips dappertutto, ma uno dei più centrali è proprio il Clam Shell, un piccolo localino in piena Royal Mile. Si viene serviti rapidamente ed è possibile gustare il Fish & Chips sia seduti ai tavolini all’interno che a quelli all’esterno sulla via principale, quando il freddo allenta la presa.

Indirizzo: 148 High St, Royal Mile, Edinburgh, EH1 1QS

Se questo elenco non vi è bastato e siete ancora alla ricerca di un bel localino dove cenare in compagnia, date un’occhiata alla nostra selezione di ristoranti a Edimburgo! Avrete un’ampia scelta per assaporare alcune delle migliori prelibatezze degli chef scozzesi, oppure esplorare cucine diverse da quella tipica. Oppure spostatevi di zona e date un’occhiata ai pub tipici che popolano il quartiere della New Town, appena dopo Princes Street.

fish-and-chips

I migliori ristoranti a Edimburgo

No Comments 502 Views0

Cucina scozzese e internazionale nella capitale della Scozia

In Scozia è possibile mangiare sia a pranzo che a cena nei pub. Chi però preferisce sedersi a tavola ed essere servito come nella migliore tradizione della ristorazione, o vuole prendere del cibo da mangiare seduto in piazza o in uno dei giardini della città, troverà nei diversi ristoranti di Edimburgo pane per i suoi denti, letteralmente!

Sia la Old Town che la New Town offrono infatti ristoranti asiatici, indiani, spagnoli, italiani, vegetariani e persino alcuni che si trovano nella guida Michelin. In questo post abbiamo selezionato quelli che a nostro avviso sono i migliori ma se pensate che ne abbiamo dimenticato qualcuno, fatecelo sapere e lo aggiungeremo volentieri. Buon Appetito!

1. Howies (££)

Fondata nel 1990, Howies è una catena di ristoranti a conduzione familiare con sede in Scozia. Ci sono 4 ristoranti Howies – tre a Edimburgo e uno ad Aberdeen.
Da Howies c’è una grande attenzione per le materie prime: la carne di cervo proveniente dalle tenute nel Perthshire, il salmone delle isole Shetland, le cozze delle coste scozzesi o le birre sono artigianali.
Una delle sedi più frequentate si trova nel centro storico della città, in Victoria Street, via famosa per i suoi palazzi colorati, che porta alla piazza di Grassmarket.
Aperto sette giorni su sette, offre cucina tradizionale scozzese con una buon ‘deal’ . Prezzo fisso di 10,95 per un menù di due portate o 14,95 per un menù in stile scozzese (da consumarsi rigorosamente prima delle 18:30).
Anche i drink sono molto ricercati, un menu che vanta oltre 20 vini al bicchiere, una fantastica gamma di birre artigianali scozzesi, nonché whisky e gin provenienti da tutta la Scozia.

Indirizzo: 10-14 Victoria Street, Edinburgh EH1 2HG

2. Mussel&Steak (£££)

Proprio nella piazza di Grassmarket c’è questo localino che dati i colori bianco e blu predominanti nell’insegna, vi ricorderà i ristorantini delle isole greche.
Si chiama Mussel&Steak, letteralmente Cozze e Carne. Non tutti sanno infatti che tra i cibi tipici della Scozia ci sono proprio le cozze che vengono servite scoppiate in salsa a scelta: vino bianco, scalogno, aglio e panna (White Wine, Shallots, Garlic & Cream) / Peperoncino, zenzero e lime (Chilli, Ginger & Lime) /Whisky, Bacon e panna (Whisky, Bacon & Cream) / Curry rosso thailandese (Thai Red Curry). Non proprio vicino ai nostri gusti ma niente male, provare per credere!
Anche le ostriche sono presenti nel menù. Scegliete la porzione da 6 o da 12, vi verranno servite su ghiaccio tritato con vino rosso e aceto di scalogno, limone, tabasco e wasabi.
Altro piatto tipico è la carne selezionata con cura da allevamenti scozzesi alimentati ad erba. Maturata per un minimo di 35 giorni. Alla griglia a proprio piacimento, servito con insalata e pomodorini arrostiti.

Indirizzo: 110 West Bow Grassmarket Edinburgh EH1 2HH

3. Tigerlily

Alla Tigerlily di Edimburgo troverete colazione, pranzo e cena, con ottimi cocktail di accompagnamento. Si trova nella centralissima George Street , cuore delle new town. È la strada dei negozi di marca della capitale scozzese.
Al Tigerlily il cibo proviene dal territorio scozzese. Pesce freschissimo, scampi delle coste dell’Isola di Skye e carne di Aberdeen Angus, della più tipica del territorio scozzese
Buono anche l’Afternoon Tea, rito tipico della Gran Bretagna che al Tigerlily viene servito in versione dolce o salata, con tè Eteaket o Champagne

Indirizzo: 125 George Street, Edinburgh EH2 4JN

 

4. Pizza Posto (£)

Chi ha nostalgia di casa o non si fida del cibo scozzese, troverà moltissimi ristoranti italiani sparsi per tutta la città. La comunità italiana che vive e lavora a Edimburgo è una delle più numerose, e si distinguono per la loro preferenza al settore della ristorazione. Se avete voglia di una buona pizza , questa pizzeria di recente apertura fa al caso vostro.
Si trova nella via dell’università di Edimburgo, quasi di fronte all’ Edinburgh Festival Theatre, sede di alcuni tra gli spettacoli e delle compagnie teatrali più importanti della città.
Arrivando a ‘Pizza Posto’ vi sembrerà quasi di essere in Italia, potrete scegliere la classica Margherita al costo di 5 sterline, un prezzo davvero conveniente per la città di Edimburgo. Se siete per pizze più elaborate potete provare quella con carne, rucola, mozzarella, olive e cipolle rosse, con parmigiano e base di pomodoro, non proprio ingredienti tipici per una pizza italiana, al prezzo di 8 sterline.

Indirizzo: 16 Nicolson Street, Edinburgh, EH8 9DH

2. The Holyrood 9A (££)

 

The Holyrood 9A è un ristorante dall’architettura moderna che offre un menù eccellente di cibo e bevande tipiche.
Tra le altre cose vi consigliamo l’hamburger gourmet di vitello un piatto che ha sempre un certo successo nella cucina scozzese, ovvero la carne di cervo. Anche questo locale è family friendly, menù speciale per bambini. Ci sono anche moltissime opzioni vegetariane, tra le quali un haggis vegetariano
Il ristorante è consigliato anche per l’ampia selezione di birre, sia scozzesi, che del Regno Unito, che di importazione minuziosamente descritte sulla carta, dove tutti i dettagli sui diversi gusti possono davvero essere d’aiuto anche per chi non se ne intende tanto.

Indirizzo: 9A Holyrood Road, Edinburgh, EH8 8AE

3. Oink (£)

oink

Oink _ www.oinkhogroast.co.uk _ morebyless _ Flickr.html

Una delle migliori sorprese per il visitatore di Edimburgo è sicuramente Oink, di proprietà di veri contadini scozzesi provenienti dagli Scottish Borders, la regione più a sud della Scozia. In ben due ristorantini della capitale, uno in Victoria Street e l’altro in Canongate, ogni giorno si mette in vendita un maiale intero, che viene esposto nella vetrina del negozio. La carne viene servita in ottimi panini e accompagnata da salse a scelta, dalle più tradizionali salse di mela o di cipolla fino ad una salsa piccante di haggis per i più intrepidi. Il maialino si va riducendo poco a poco durante il giorno finché non rimane solo la testa. A questo punto il locale chiude. Facile, semplice, economico e buonissimo.

Indirizzo: 4 Victoria Street, Edinburgh, EH1 2JW

4. David Bann (£££)

Insegna di David Bann St. Mary Street Edimburgo

David Bann. Fonte: catherinecronin [CC BY-SA 2.0] via flickr

 

 

 

 

 

 

 

Da uno dei più economici ad uno dei più costosi e conosciuti: David Bann è uno dei ristoranti della città che si sono guadagnati una stella Michelin. Originario di Glasgow (paradossalmente la patria del Deep fried Mars, la barretta di Mars fritta), David ha deciso di diventare vegetariano dopo aver lavorato in un allevamento di polli. Da allora ha intrapreso un percorso che lo ha portato ad aprire un suo take away vegetariano che si è trasformato in un caffè e poi nel ristorante vegetariano più famoso di Edimburgo e di tutto il Regno Unito.
La sua cucina viene definita spesso originale e diversa e non potrebbe essere altrimenti, se consideriamo che ha dovuto sviluppare un intero menù utilizzando come alimento principale quello che per gli altri era solo il contorno. Una buona opzione è cominciare con la zuppa del giorno, nella quale gli scozzesi sono maestri, che riscalda dal freddo dell’inverno ed è fatta sempre con prodotti di stagione. A seguire, noodles tailandesi e coreani, curry indiano, risotti italiani e formaggio locale, per non dimenticare la patria delle cornamuse e del kilt e per far vivere al cliente un’esperienza unica, in una cucina diversa.

Indirizzo: 56-58 St Mary’s St, Edinburgh EH1 1SX

 

5. The Witchery by the Castle (£££)

The Witchery

The Witchery

 

 

 

Il luogo ideale per una cena col proprio partner è senza dubbio il Witchery, il ristorante più romantico della città. Situato nei pressi del castello di Edimburgo, l’ineguagliabile panorama che si ammira dalle sue finestre e l’arredamento squisito delle sue stanze del XVI secolo, offrono un’esperienza unica sia ai locali che ai turisti. Si divide in due ambienti: da un lato il vero e proprio Witchery, con le sedie antiche rivestite in cuoio rosso, i pannelli di quercia invecchiata alle pareti, le piccole finestre con vetrate e la luce delle candele che illumina la sala. Dall’altro, il “giardino segreto”, un piccolo patio interno arredato con lo stesso stile della sala interna, ma all’aperto e adornato da una ricca vegetazione.
Offre i migliori prodotti scozzesi compreso vitello di Angus, carne di cervo o selvaggina, frutti di mare e verdure di stagione, combinando il tutto in grandi piatti di ispirazione classica ma con un tocco originale. Un esempio è il suo famoso “Three Little Pigs” (i tre porcellini), composto da bistecche, rillette e spalla di maiale e accompagnato da purè di mele, patate al forno e aragosta. Per concludere in bellezza una buona cena, il ristorante dispone di 8 suite arredate in stile gotico, dove è possibile passare la notte immaginandosi ospiti del conte Dracula in persona.

Indirizzo: Castlehill, The Royal Mile, Edinburgh EH1 2NF

6. Steak (££)

 

Oltre ai frutti di mare, un altro prodotto da provare assolutamente prima di lasciare la Scozia è la carne di vitello, e in particolare, la carne della razza autoctona di queste parti, l’Aberdeen Angus. Questa razza ha avuto origine da capi selezionati all’inizio del XIX in base alla qualità della loro carne. La maggior parte degli esemplari di questa specie ha un pedigree dal quale è possibile risalire il suo albero genealogico fino ai due animali originari della regione dell’Aberdeenshire. In questo modo è più facile mantenere gli standard di qualità di tutta la specie.
Questo moderno ristorante, arredato in stile industriale, ci permette di gustare l’inconfondibile sapore di questo prodotto. La carne viene presentata in quattro tagli diversi e un cameriere spiega agli avventori le caratteristiche di ognuno. È possibile, inoltre, scegliere il punto di cottura tra ben sette livelli diversi. Ogni piatto viene accompagnato da una salsa a scelta tra salsa di pepe, salsa stilton o salsa barnaise, senza contare la vasta gamma di antipasti originali e deliziosi, come la terrina di anatra e prosciutto o le cozze con capperi e vitello.

Indirizzo: 14 Picardy Place, Edimburgo, EH1 3JT

7. The Tower Restaurant (££)

The Tower Restaurant

The Tower Restaurant

 

 

 

 

 

 

 

Concludiamo la lista dei ristoranti di Edimburgo con il locale dal miglior panorama di tutta la città, il Tower Restaurant. Sia d’inverno che d’estate, con il castello illuminato praticamente alla stessa altezza delle finestre, è un’esperienza da non perdere, anche perchè questo particolare ristorante si trova proprio nel cuore della storia dell’intera nazione, cioè all’interno del Museo Nazionale della Scozia. Considerato tra uno dei migliori d’Europa, passiamo da questo museo durante la nostra mattutina passeggiata storica di Edimburgo. E cosa c’è di meglio, dopo un buon pasto, di un giro tra le meraviglie di questo museo alla scoperta della storia della Scozia?
Ma andiamo a ciò che ci più ci interessa, cioè il tipico cibo scozzese. Come ci si aspetterebbe da un ristorante all’interno di un museo, la sua cucina si basa su prodotti e ingredienti locali. Frutti di mare dell’isola di Mull, bovino della regione degli Scottish Borders o black pudding (una specie di sanguinaccio) di Stornoway… Tutto viene cucinato e servito in uno stile all’avanguardia in una perfetta fusione tra tradizione e modernità. Il ristorante offre menù del pranzo, della cena, del brunch e del tè pomeridiano.

Indirizzo: National Museum of Scotland, Chambers Street, Edinburgh EH1 1JF

 

E dopo un’ottima cena, cosa c’è di meglio che immergersi nelle stradine del centro storico e perdersi tra le note folk della musica scozzese e delle sue cornamuse? Probabilmente assaggiare uno dei centinaia di scotch whisky di cui tanto si sente parlare anche in Italia, oppure una delle Ale o Ipa servite alla spina nei pub. Se invece tra questi ristoranti non avete trovato quello che fa per voi, perchè non dare una possibilità ai tanti tipici pub scozzesi sparsi per la città? Date un’occhiata ai nostri consigli per i migliori pub della Old Town e della New Town, e non resterete a bocca asciutta!

pub-a-edimburgo

Pub tipici scozzesi nella New Town di Edimburgo

No Comments 353 Views1

Dove mangiare e bere nella città nuova

La New Town può forse incutere un leggero timore con le facciate severe dei suoi palazzi e le sue strade eleganti, ma dietro quell’apparenza austera la città georgiana rivela una vita mondana frizzante e allegra. Alla fine di una giornata dedicata ad esplorare la Scozia con uno dei nostri tour, godetevi una serata nel quartiere della capitale progettato da William Playfair. Seguiteci in un percorso tra i migliori pub della New Town di Edimburgo e se quando siete da queste parti ne trovate qualche altro che ritenete si debba aggiungere alla lista, scrivetecelo. Ci fa sempre piacere scoprire nuovi posti. Cheers!

*È importante non dimenticare che l’ingresso ai pub, se non diversamente specificato, è proibito ai minorenni a partire dalle 20:00. Inoltre, durante la stagione invernale, molte cucine chiudono alle 21.00.

1. The Cafe Royal (££)

Cafe Royal Edimburgo

Cafe Royal. Fonte: Afmell (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Se avrete l’ardire di perdervi tra le stradine alle spalle di Princes Street, verrete ricompensati con un tesoro nascosto: The Cafe Royal. Si tratta di un pub molto elegante con arredamento vittoriano e mobilio in legno lucido che vi faranno sentire in un’altra epoca, utilizzato anche per girare alcune scene di Momenti di Gloria (1981). Sapevate, inoltre, che non questo non è stato l’unico film ad essere girato in Scozia e ad Edimburgo?

Il menù è ricco e sofisticato e il Sunday Roast della domenica offre diversi tipi di carne cucinati a piacere con patate arrosto, purè e verdure di stagione. Non dimentichiamo, poi, le ostriche che danno anche al pub il nome con cui lo si conosce ad Edimburgo, Oister Bar. Dal bancone a penisola vengono spillate tantissime birre diverse, locali e internazionali.

Indirizzo: 1 West Register Street, New Town, Edinburgh EH2 2AA

2. The Guildford Arms (££)

Se avrete esplorato le stradine della New Town fino a scovare il precedente pub, sarete ricompensati perché avrete trovato anche questo. Il Guildford Arms si trova infatti ad appena 10 metri di distanza, sulla stessa strada, che durante iI weekend viene affollata principalmente da autoctoni.

Anche questo è un pub piuttosto elegante con sgabelli in pelle e soffitti istoriati. Si possono mangiare piatti tipici scozzesi ed è aperto anche a colazione. Il suo forte, però, sono le birre, soprattutto scozzesi, di cui offre una grandissima selezione di tipi e qualità. E stando seduti lì, in quell’atmosfera di puro pub britannico, c’è da ammettere che la birra ha un altro sapore.

Indirizzo: 19 West Register Street, New Town, Edinburgh EH2 2AA

3. Standing Order (£)

Pub The Standing Order a Edimburgo

The Standind Order. Fonte: Kim Traynor [CC BY-SA 2.0] via Geograph

The Standing Order appartiene alla catena Wetherspoon, ma cosa ci offre di diverso rispetto agli altri locali? Una location spettacolare. È infatti situato su una delle strade più chich della città in un’antica banca della fine del XIX secolo, che conserva la sua struttura originaria con gli sportelli, le ampie sale dai soffitti alti e addirittura la cassaforte! Alla vista di questo palazzo così maestoso e imponente, e squisitamente decorato sia dentro che fuori, molti pensano che i prezzi siano poco abbordabili, invece si tratta di uno dei locali più economici della città, dove troverete avventori di ogni tipo: residenti di Edimburgo, dagli impiegati agli studenti, turisti e uomini d’affari.

Il menù comprende dai classici piatti da pub (fish and chips, macaroni and cheese, jacket potatoes…) fino a una vastissima gamma di hamburger e panini di tutte le dimensioni, passando per il filetto di Aberdeen Angus e il salmone alla piastra. Inoltre, siamo nel posto ideale per provare il piatto nazionale scozzese per eccellenza, l’haggis, o la famosa colazione scozzese con black pudding e salsicce. Come in ogni buon pub che si rispetti, la carta delle birre è immensa, per cui lo Standing Order è il posto ideale non solo per magiare, ma per passare l’intera serata.

Indirizzo: 62-66 George Street, Edinburgh EH2 2LR

4. The Playfair (£)

The Playfair, come lo Standing Order, appartiene alla catena Wetherspoon, che possiede molti altri ristoranti in giro per la città. Oltre all’ottimo rapporto qualità-prezzo sempre offerto dalla catena, il Playfair offre anche un pezzo di storia. Il suo nome è infatti dovuto a William Playfair, l’architetto che a soli 27 anni fu incaricato di progettare gran parte degli edifici della New Town, come la Scottish National Gallery e i monumenti che si trovano su Calton Hill.

Il Playfair si trova all’interno dell’Omni Centre, ed è ottimo per mangiare qualcosa mentre aspettate di assistere ad un musical nella vicina Playhouse o prima di un film in una delle sale cinematografiche del centro Omni. Per chi vuole iniziare la giornata con una botta di energia, offre la tipica Scottish Breakfast con black pudding, fagioli, bacon, haggis, uova e pomodoro. Ma si può anche pranzare o cenare scegliendo tra un’ampia gamma di piatti sia di carne che di pesce.

Indirizzo: Leith Street, Omni Centre, Edinburgh EH1 3AJ

7. The Conan Doyle (££)

Conan Doyle pub a Edimburgo

Conan Doyle. Fonte: kym traynor [CC BY-SA 2.0] via geograph

Edimburgo è una città che ha affascinato e ospitato molti scrittori, e non è difficile trovare tra le scelte di pub e ristoranti qualcuno dedicato alla loro vita e alle loro opere. Arthur Conan Doyle è stato lo scrittore scozzese che ha dato origine al genere giallo e che molti ricorderanno per il suo più famoso personaggio, Sherlock Holmes. Come Deacon Broadie’s Tavern sulla Royal Mile, anche il Conan Doyle appartiene alla catena Nicholson’s Pub ed è caratterizzato dall’arredamento e l’atmosfera di un pub tradizionale, che vi farà fare un passo indietro ai tempi del famoso detective.

Il menù prevede i piatti più classici, come fish & chips, hamburgers, e le famose Pies, tortini di pasta sfoglia ripieni di carne, insieme a ottimi contorni e carne arrostita di tutti i tipi. Il pub è specializzato in birre tipiche scozzesi, ovvero le ales, ed offre una grandissima varietà anche di altre bevande per accompagnare le vostre cene e i vostri pranzi. Il Conan Doyle offre anche un menu di “afternoon tea” sia tradizionale che con varianti in cui si sostituisce il te con prosecco, birra o addirittura gin tonic!

Indirizzo: 71-73 York Place, Edinburgh EH1 3JD

5. Dirty Dick´s (£££)

Dirigiamoci ora verso Rose Street, una delle strade più animate della New Town, dove si succedono pub, negozi e artisti di strada pronti ad allietare i passanti. Tra gli oltre 20 locali della strada pedonale, si trova anche Dirty Dick’s, un piccolo pub legato ad un personaggio chiave durante le epoche in cui Edimburgo era una città chiusa dalle mura e senza un sistema di bagni e tubature. Dirty Dick, così si racconta, svolgeva l’ingrato compito di ripulire le strade dai rifiuti dei cavalli e dai contenuti dei vasi da notte lanciati dalle finestre.

Contrariamente a quanto questo sembra suggerire, però, il pub è piuttosto elegante e il personale vi serve in uniforme completa di gilè. L’ambiente è confortevole, tra soffitti bassi e pareti decorate con vecchi giocattoli, uniformi militari e strumenti musicali, come vuole la tradizione dei tipici pub scozzesi. Il cibo è di buona qualità e da bere si può scegliere tra moltissime birre locali, tanti vini e ovviamente ottimi whisky scozzesi.

Indirizzo: 159 Rose Street, Edinburgh, EH2 4LS

6. Scott’s of Rose Street (£)

Tornando sulla strada pedonale della New Town, un altro posto storico tanto amato dagli abitanti della città di Edimburgo è Scott’s of Rose Street. Anche qui è possibile assaggiare alcuni dei piatti più tipici della cucina del Nord della Bretagna, ma più spesso si viene anche solo a bere qualcosa, una birra o uno scotch whisky, mentre si assiste a uno dei tanti concerti jazz che animano le serate di questo pub.

La fama del luogo si deve a Ma Scott, la prima proprietaria del pub, che controllava tutto quello che succedeva nel suo locale con fare burbero, appollaiata su uno sgabello dietro il bancone. Se qualcuno dei clienti non la convinceva non si faceva scrupoli e lo buttava fuori a calci. Oggi il personale è decisamente più gentile e i camerieri rispondono con pazienza a tutte le domande su uno dei loro clienti più famosi, Dan Brown, che proprio qui ha scritto le ultime pagine del Codice Da Vinci.

Indirizzo: 202 Rose St, Edinburgh, Midlothian EH2 4AZ

8. The Cumberland Bar (££)

Cumberland Bar a Edimburgo

Cumberland Bar. Fonte: Tony Fisher [CC BY-SA 2.0] via geograph

In una delle stradine silenziose della New Town, quasi al confine con il delizioso quartiere di Stockbridge, troviamo questo piccolo pub vittoriano. Frequentato maggiormente da residenti e da molti avvocati provenienti dagli studi della zona, il Cumberland Bar è un posto speciale sia per le fredde serate d’inverno che per le giornate di sole, quando è anche possibile sedersi all’aperto, nel cortiletto interno attrezzato a beer garden.

Qui, seduti ai tavoli di legno, potete provare birre di tutti i tipi: dalle ale e lager scozzesi, a ottime birre ospiti che cambiano di volta in volta quasi ogni settimana. La famiglia Stewart, che gestisce il locale, è nell’industria delle bevande da generazioni e la loro selezione vi soddisferà. La domenica potrete mangiare lì uno dei migliori Sunday Roast.

Indirizzo: 1-3 Cumberland Street, Edinburgh, EH3 6RT

9. The Newsroom (££)

Torniamo adesso verso l’estremità orientale di Princes Street, sul percorso per raggiungere Calton Hill alle spalle del centro commerciale John Lewis. Qui troviamo The Newsroom, uno dei pub più frequentati della città nuova. Lo spazio all’interno è ampio e l’arredamento tra il moderno e il classico dà al locale un tocco particolare, così come i giornali a disposizione dei clienti che richiamano il nome del pub, Newsroom appunto.

È aperto tutta la giornata ed è possibile andare a mangiare lì sia a pranzo che a cena, o semplicemente a bere una birra o qualcos’altro dall’ampia carta di cocktail. Anche i menù offrono grande varietà di piatti dai classici hamburger e patate fritte, ai tipici haggis e salmone, fino a piatti più elaborati come zuppa di frutti di mare, maiale arrosto o pesce farcito.

Indirizzo: 5-11 Leith Street, Edinburgh EH1 3AT

10. The Dome (£££)

Rimaniamo nell’elegante New Town per consigliarvi un altro locale, che anche se non è propriamente un pub, è uno dei migliori ristoranti della città, che merita una visita se non altro per l’edificio raffinato e distinto che lo ospita. Come lo Standing Order, The Dome risiede dagli anni Novanta in una vecchia banca del XIX secolo e accoglie il visitatore con infinite colonne in stile greco mentre una porta girevole conduce, attraverso un ampio ingresso con moquette, alla sala principale sormontata dall’immensa cupola in vetro che dà il nome al ristorante. Ogni anno, chi pensa di passare il Natale a Edimburgo, un periodo in cui il centro è particolarmente bello, resta a bocca aperta nel contemplare l’accurata decorazione natalizia dell’impressionante facciata.

Tra i tanti piatti della cucina scozzese qui si possono gustare la carne di vitello nostrana proveniente da Buccleuch e piatti più elaborati, come il fegato di pollo con parfait di mirtillo. La tradizione viene comunque portata avanti con l’immancabile haggis, preparato con una ricetta speciale di cui sono a conoscenza soltanto lo chef e il macellaio, e servito accanto ad una deliziosa salsa di whisky che dà al cliente l’opportunità unica di assaggiare con un unico boccone i due re della gastronomia scozzese.

Indirizzo: 14 George Street, Edinburgh, EH2 2PF

Se ancora non siete soddisfatti e siete alla ricerca di un locale ancora più misterioso e particolare dove andare a mangiare, date un’occhiata anche ai pub che potete trovare nella Old Town, il centro storico di Edimburgo. Se invece preferite accomodarvi per una cenetta romantica o una pausa dalla frenetica vita scozzese, seguite la nostra lista di ristoranti della capitale della Scozia. Tra tante opzioni, non resterete sicuramente delusi!

macbeth-festival-edimburgo-firnge

Festival a Edimburgo nel 2017

No Comments 850 Views0

Un’anno di cultura e divertimento

Edimburgo, la città dei festival. Con questo nome si conosce, nel mondo, la capitale della Scozia e in effetti l’epiteto è meritato. Il famosissimo “festival di agosto” attira tutti gli anni migliaia di visitatori che vengono per partecipare alle centinaia di eventi di musica, spettacolo e cultura internazionale che colorano le strade della città per un intero mese. Ma il Fringe non è l’unico evento che si svolge in città e richiama curiosi ed appassionati fino a raddoppiare la popolazione della capitale scozzese. Il programma culturale di Edimburgo prevede ben 11 festival distribuiti da aprile a dicembre. Praticamente una serie ininterrotta di eventi relativi ad ambiti culturali diversi e dedicati a un pubblico di tutti i tipi e di tutte le età. Insomma a Edimburgo non ci si annoia mai. Ma andiamo a scoprire insieme quali sono i festival e cosa ci offre ognuno di loro.

1. Edinburgh International Science Festival: 1 – 16 aprile 2018

Festival Internazionale della Scienza

Festival Internazionale della Scienza – Fonte: MJ Richardson (CC BY-SA 2.0) via geograph

Ad aprire le danze, all’inizio di aprile, è il Festival Internazionale della Scienza, uno dei più grandi Festival della Scienza in Europa. La ricerca scientifica è da sempre una parte importante del bagaglio culturale di Edimburgo. Non dimentichiamo che proprio qui nacquero alcuni tra i più importanti scenziati e inventori le cui scoperte hanno avuto ripercussioni sulla cultura successiva e sulla vita quotidiana di tutto il mondo. Basti pensare ad Alexander Graham Bell, l’inventore del telefono o a Charles Darwin che studiò proprio a Edimbugo e a cui si deve la teoria dell’evoluzione delle specie, colonna portante della biologia moderna.

Il nome Festival della Scienza ci potrebbe far pensare a un evento piuttosto noioso, ma qui a Edimburgo la noia è bandita. Il programma indirizzato alle famiglie e ai bambini prevede una serie di attività, spettacoli e workshop in cui il pubblico partecipa attivamente e che sono dedicate ai diversi ambiti della scienza, dalla tecnologia alla biologia, dalle macchine agli esseri umani e agli animali. A questo tipo di attività si aggiungono performance, proiezioni e dibattiti, pensati per un pubblico più adulto che anche in questo caso spesso partecipa attivamente all’evento, grazie al ricchissimo programma che prevede anche mostre ed eventi speciali di vario tipo. Il festival vuole essere un luogo di incontro per fare il punto della situazione sulle teorie del momento con uno sguardo al futuro e a quello che ci aspetta al livello globale.

2. Imaginate’s Children Festival: 27 maggio – 4 giugno 2018

Edimburgo bambini che giocano

Bambini – Fonte: By Alan J Truhan.Ajtruhan at en.wikipedia [CC BY 2.5, GFDL or CC-BY-SA-3.0], from Wikimedia Commons

A neanche un mese dal Festival della Scienza, parte l’Imaginate Children Festival, un festival delle arti sceniche dedicato ai bambini e ai ragazzi. Performer provenienti dalla Scozia e da ogni parte del mondo si riuniscono a Edimburgo per presentare i migliori spettacoli per bambini, per giovani e per chi giovane ci si sente, a prescindere dall’età. Il Festival 2017 vedrà sul palco artisti provenienti da Danimarca, Inghilterra, Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Scozia Spagna e Svizzera. Ma questo è solo uno dei tanti passatempi che potrete fare insieme ai vostri bambini se vi trovate da queste parti a maggio o in estate: in questo post vi descriviamo altre attività divertenti ed interessanti pensate per il divertimento di tutta la famiglia in qualunque stagione!

3. Edinburgh Film Festival: 21 giugno – 2 luglio 2018

Tilda Swinton all'Edinburgh Film Festival

Tilda Swinton all’Edinburgh Film Festival – Fonte: Al  [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons

Giugno ci porta verso l’estate e il periodo più intenso per i festival di Edimburgo ed è proprio in questo mese che ha luogo il Festival del Cinema di Edimburgo. Oltre ad avere un’offerta di qualità eccezionale che comprende una sorprendente varietà di proiezioni cinematografiche, questo festival annuncia anche l’inizio dell’estate con i suoi giorni infiniti e le sue feste. Tutti gli amanti del cinema sono quindi invitati a godersi questo festival del grande schermo e, perché no, anche le meravigliose serate estive di Edimburgo.

Il festival, che viene organizzato fin dal 1947, è un’occasione per entrare in contatto con le nuove produzioni sia nel campo della fiction che in quello dei documentari. Moltissimi dei film che hanno poi avuto un successo globale sono stati presentati qui in anteprima. Tra gli altri Little Miss Sunshine, Ratatouille, Billy Elliot e Amores Perros. Un’ottima occasione anche per indossare un abito elegante e cercare di scorgere qualche celebrità passeggiare sul famoso tappeto rosso.

4. Edinburgh Jazz and Blues Festival: 14 – 23 luglio 2018

Performance di una Jazz Band

Performance di una Jazz Band – Fonte: William Starkey [CC BY-SA 2.0] via Geograph

Il Festival di Jazz e Blues che si tiene ogni anno ad Edimburgo permette di conoscere le nuove tendenze in questo genere musicale sia a livello internazionale che chiaramente in ambito scozzese. Questa enorme offerta musicale si aggiunge all’allegra follia del festival, dando a Edimburgo una vitalità culturale unica che ben poche città possono eguagliare.

Le location dei concerti hanno già di per sé una magia del tutto particolare. Teatri, locali e perfino una chiesa sconsacrata, la Tron Kirk che viene aperta per l’occasione e che ha una storia misteriosa che vi raccontiamo nel nostro tour dei fantasmi. Al Festival di Jazz e Blues di Edimburgo è possibile anche assitere alle perfomance di artisti al loro primo debutto o di altri che suonano insieme in esclusiva per il festival. Gli amanti del Jazz e del Blues troveranno musica per le loro orecchie nelle lunghe giornate estive edimburghesi.

5. Edinburgh Art Festival: 27 luglio – 27 agosto 2018

Sculture all'Edinburgh College of Art

Sculture all’Edinburgh College of Art – Fonte: Kim Traynor (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Ci spostiamo adesso dai palchi di locali e teatri ai corridoi dei musei, delle gallerie, in ogni spazio dedicato alle arti visive, dove il Festival delle Arti di Edimburgo si sviluppa mostrandoci la storia dell’arte all’interno della ricchissima offerta culturale di questa città. In ogni edizione di questo festival, l’arte moderna e quella contemporanea si sono unite in una vasta gamma di possibilità di espressione con un punto di vista innovativo. D’altra parte se c’è una cosa a cui Edimburgo tiene è l’arte in tutte le sue forme, e la sua storia archittettonica ce lo fa capire bene.

Come da tradizione britannica, la maggior parte degli eventi del festival ha ingresso gratuito e comprende, oltre alle mostre, anche proiezioni, performance e incontri con gli artisti. Il panorama artistico giovane e scoppiettante della capitale scozzese sarà in grado di allietare e arricchire la vostra vacanza nel nord della Gran Bretagna.

6. Royal Military Tattoo: 4 – 26 Agosto 2018

Performance al Military Tattoo

Performance al Military Tattoo – Fonte: xlibber [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

Parliamo ora di uno dei più conosciuti e seguiti festival di Edimburgo, il Royal Military Tattoo. Come molti sapranno si tratta di un festival in cui si esibiscono bande militari appartenenti agli eserciti del Regno Unito e del Commonwealth, ma negli ultimi anni l’evento si è allargato richiamando eserciti anche dal resto del mondo.

È un festival di musica e danza che ogni anno attira migliaia di spettatori e che non lascia mai scontento nessuno. I biglietti vanno a ruba già dal Natale dell’anno precedente, e spesso bisogna essere pronti a sborsare per ottenere un posto. Ma lo spettacolo merita decisamente lo sforzo della conquista: ogni anno è diverso sia per le esibizioni che per i temi affrontati che sono moltissimi: dalla natura alla tradizione, dalla Scozia al mondo.

Location d’eccezione di questo festival è la spianata del castello dove per l’occasione vengono montate delle gradinate per ospitare gli spettatori, in modo che ogni spettacolo abbia l’imponente ingresso del castello come sfondo. La storia affascinante di questo festival è raccontata in quest’altro post che vi consigliamo di leggere.

7. Edinburgh International Festival: 4 – 28 Agosto 2018

Una Rappresentazione della Traviata

Una rappresentazione della Traviata – Fonte: Orthorhombic (Own work) [GFDL or CC BY 3.0], via Wikimedia Commons

Organizzare un festival culturale di livello internazionale potrebbe sembrare un’invenzione recente, ma l’origine dell’Edinburgh International Festival risale addirittura al 1947. L’idea di partenza che portò all’organizzazione del festival era quella di una festa delle arti in cui lo spirito umano potesse rifiorire in tutto il suo splendore (“a platform for the flowering of the human spirit”) dopo i disastri causati dalla Seconda Guerra Mondiale. L’Edinburgh International Festival è dedicato alle arti generalmente considerate le più nobili, le più sofisticate: la musica classica, il teatro, l’opera e la danza nella cornice dei più bei teatri e sale concerto di Edimburgo.

Il Festival Internazionale di Edimburgo offre non solo un importante palcoscenico per far conoscere la cultura scozzese al mondo, ma soprattutto un punto di incontro tra le diverse culture e tendenze nel campo delle arti sceniche. Il programma è davvero unico e innovativo, qui potrete vedere spettacoli che non troverete da nessun’altra parte.

8. Edinburgh Fringe Festival: 4 – 28 Agosto 2018

Artisti di strada al Fringe Festival

Artisti di strada al Fringe Festival – Fonte: Festival Fringe Society (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Dello stesso anno è anche un altro dei festival più noti di Edimburgo, se non il più famoso, ovvero il Fringe Festival. Questo festival si sviluppò parallelamente al precedente, come un’inattesa alternativa ad esso. Tutto cominciò quando, completamente fuori programma, un gruppo teatrale si impossessò del palco e diede avvio ad uno spettacolo sotto gli sguardi attoniti del pubblico e dell’organizzazione del festival principale, che non seppe come intervenire. Così nacque il Fringe, con questo spirito di spontaneità e di ribellione che dura ancora oggi.

Per tutto il mese di agosto i partecipanti al festival e il loro pubblico affollano il Royal Mile in un ribollire di esibizioni lungo un mese. Per noi abitanti di Edimburgo questo è un momento magico dell’anno, anche se a volte ci risulta un po’ stancante… Per farvi capire, parliamo di più di 2000 spettacoli che hanno luogo in città in meno di un mese all’interno di teatri e locali, ai quali dobbiamo aggiungere gli oltre 4000 a cui possiamo assistere per strada a qualunque ora del giorno e della notte. Di sicuro un’esperienza indimenticabile!

9. Edinburgh Book Festival: 12 – 28 agosto 2018

Sedie da lettori al book festival

Sedie da lettori al Book Festival – Fonte: Jim Barton [CC BY-SA 2.0] via Geograph

Questo festival è uno di quelli di cui gli abitanti della città sono più orgogliosi. È il più grande festival della letteratura d’Europa. Anche se il festival vero e proprio si tiene in agosto, le attività legate ad esso si estendono durante tutto l’anno nelle piccole librerie che costellano Edimburgo che vendono sia libri nuovi che esemplari unici di seconda mano. Gli appassionati di libri potrebbero passare ore spulciando tra interminabili scaffali o sorseggiando una tazza di te o caffè mentre ponderano la difficile scelta.

Il festival del libro si tiene nei giardini di Charlotte Square, nella New Town di Edimburgo, dove vengono montati dei padiglioni che ospitano anche due librerie indipendenti. Qui si riuniscono migliaia di persone, visitatori e ovviamente scrittori, sia esperti che in erba. È un’occasione per far incontrare scrittori e lettori e discutere su vari temi sempre legati alla letteratura e alla sua ricezione. E dato che Edimburgo ha sempre un occhio di riguardo per i bambini e i giovani, ci sono anche moltissimi eventi dedicati a loro cui partecipano i migliori scrittori e illustratori per ragazzi.

10. Edinburgh International Storytelling Festival: 20 – 31 ottobre 2018

Scottish Storytelling Centre

Scottish Storytelling Centre – Fonte: Brian McNeil (Own work) [CC BY 3.0], via Wikimedia Commons

E dopo una pausa per riprendersi dalle fatiche dei festival di agosto, ecco a ottobre il Festival Internazionale dei Cantastorie. Con questo festival, Edimburgo celebra un altro degli ambiti del mondo della letteratura. Nato molto più tardi degli altri festival di cui parliamo in questo post, tutti originari degli anni 50, lo Storytelling Festival cominciò a organizzarsi solo nel 1990. Lo scopo di questo festival è la promozione del raccontastorie sia tradizionale che contemporaneo, una figura profondamente radicata nella cultura scozzese fin da tempi immemori.

Leggendo di questo festival si potrebbe pensare che si tratta solo di andare ad ascoltare qualcuno che racconta una storia, ma non è affatto così. Se parteciperete ad una delle serate del festival, vedrete che il narratore, lo “storyteller”, racconta le sue storie secondo tradizione, cioè improvvisando, ma la cosa più importante è che cerca sempre di coinvolgere gli spettatori e far sì che partecipino attivamente alla storia. In questo modo ogni narratore trasforma il suo racconto in un’esperienza incredibile e imprevedibile per chi lo ascolta. Si tratta dell’evento più atteso dell’autunno. Il festival non è dedicato solo alle storie scozzesi, ma è anzi aperto a raccontastorie di tutte le nazionalità.

11. Edinburgh Hogmanay: 30 dicembre 2017 – 1 gennaio 2018

Fuochi d'Artificio a Hogmanay

Fuochi d’Artificio a Hogmanay – Fonte: Robbie Shade (Fireworks over Edinburgh) [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

Questo strano nome si riferisce semplicemente alla festività che ha luogo nei giorni intorno a quello che noi chiamiamo Capodanno. In particolare si riferisce alla notte di San Silvestro quando si celebra la grande festa. Ma in cosa consiste questa celebrazione? Il primo giorno, il 30 dicembre, si svolge una sfilata di torce che illumina l’ampia Princes Street per tutta la sua lunghezza. Il giorno successivo ha luogo la grande festa a cui partecipano fino a 100.000 persone che si riuniscono tutte nello stesso posto per dare il benvenuto al nuovo anno bruciando una nave vichinga... Stiamo parlando di una celebrazione che combina musica dal vivo, il famoso “ceilidh dancing” (tipica danza scozzese) e, ovviamente, i fuochi artificiali che in una celebrazione natalizia non possono mancare, ma per seguire ogni tappa di questo lungo capodanno leggete il post che gli abbiamo dedicato…

Come avete visto, la cultura qui a Edimburgo assume forme diverse e a volte inaspettate. Venite a sperimentare voi stessi tutte le sfaccettature di questa meravigliosa città in grado di trasformarsi ogni volta per uno spettacolo senza pari.