Haggis, Neeps and Tatties: una ricetta tipica scozzese

1 Comment 363 Views0


Haggis

Se non hai assaggiato questo cibo e vuoi conoscerlo ritieniti fortunato, qui ti spiegheremo dove è nato ed in che cosa consiste questo piatto tipico scozzese: L’haggis

Che cos’è e da cosa è composto l’haggis

L’haggis è conosciuto oggi come una pietanza tipica scozzese, ma la verità è che non disponiamo di dati storici che lo confermino. Infatti, prima che l’haggis venisse mangiato in Scozia, erano già state menzionate alcune varianti del termine, come ‘haggies’ o ‘hageses’ in alcune poesie scandinave ed inglesi.

Per non prolungare ulteriormente l’intrigo e quindi scoprire cosa è realmente l’haggis, è necessario sapere che è composto da polmoni, fegati, stomaci e cuore. Insomma, da quelle parti dell’animale che di solito vengono scartate nasce l’haggis. Questi sono generalmente estratti dalle pecore, ma possono anche essere d’agnello o di vitello.

I resti vengono macinati e mescolati con un po’ di cipolla tritata, farina d’avena, erbe aromatiche, spezie a piacere e sale. Poi, basta avvolgere questa composizione in un budello d’origine animale e lasciarlo cuocere per diverse ore. Insomma, una ricetta molto semplice.

Il risultato è un sapore alquanto particolare che sicuramente avrà un gusto simile al sanguinaccio. Non molto tempo fa, per realizzare questa miscela, veniva introdotta nello stomaco della pecora per circa 3 ore. Ora tutti questi ingredienti sono avvolti all’interno di un budello naturale.

Haggis, neeps and tatties

La possibile origine dell’haggis

Per quanto riguarda l’origine dell’haggis – ovvero chi, come, quando e dove si inizia a cucinare – esistono diverse teorie.

La più sicura ha a che fare con i pastori delle Highland. Gli uomini che hanno viaggiato per ore o addirittura giorni con il loro bestiame dai villaggi a Edimburgo dovevano mangiare durante il tragitto. Di fronte a questa grande necessità, le donne utilizzarono ciò che avevano a portata di mano, ovvero le pecore. In questo modo, realizzavano questa piccola miscela la quale veniva trasportata all’interno dello stomaco dell’animale per proteggerla dalle intemperie e poterla conservare senza alcun problema.

Altri dicono che la tradizione dell’haggis proviene dai clan. Quando il capo doveva uccidere l’animale aveva il privilegio di distribuirne i resti, lasciando gli scarti dell’animale ai meno fortunati. Se vuoi saperne di più riguardo questa pietanza e vuoi metterti nei panni di un pastore delle Highlands, devi solamente prenotare il nostro viaggio a Loch Ness e le Highlands.

Robert Burns e la sua poesia sull’haggis

Al di là di questa possibile origine, la verità è che in Scozia il suo consumo aumenterebbe a seguito di una poesia di Robert Burns. Si intitolavaAddress to a Haggies.In essa sostiene che non si tratta di un pasto per i poveri pastori, ma di una ricetta meravigliosa a portata di tutti. Ci assicura che chiunque può assaporare il suo gusto, incluso tu. Grazie alla popolarità della sua poesia, l’intero paese volse provare il piatto.

“Auld Scotland wants nae skinking ware 
That jaups in luggies: 
But, If ye wish her gratefu prayer, 
Gie her a Haggis!”

 “Vieja Escocia no desea ningún menú acuoso
¡Ese chapotea en tazones de fuente de madera!
Pero, si deseas su rezo agradecido,
¡Darla un Haggis!”

Oggi, in omaggio al poeta che lo ha reso un pasto tradizionale, ogni 25 gennaio (compleanno di Robert Burns) ha luogo una cena speciale. È conosciuta come la Burns Supper (la cena di Burns).  L’haggis viene mangiato accompagnato da quella bevanda che tanto amano gli scozzesi, il whisky. Un evento che viene organizzato in tutte le case e festeggiato in grande stile. Inizierà con un benvenuto a tutti gli ospiti da parte del padrone di casa e proseguirà con alcuni momenti di musica in onore del protagonista della festa. Prima che l’haggis venga servito, viene recitata la poesia sopra citata e dopo di che si inizia a mangiare. Dopo la cena il padrone di casa ringrazia nuovamente gli ospiti per la loro partecipazione ed inoltre reciteranno un’altra poesia o un aneddoto tratti dalla biografia di Robert Burns. Insomma, una serata molto familiare.

la cena di Burns

La cena di Burns – wikimedia.org, Kim Traynor

Dove posso mangiare l’haggis?

Se vieni in Scozia e l’hotel dispone della tipica colazione scozzese (full Scottish breakfast), starai mangiando l’haggis di primo mattino. In caso contrario, è possibile trovarlo sul menu di qualsiasi ristorante nel centro di Edimburgo. Viene servito con un purè di patate (tatties) ed un purè di rapa (neeps). Inoltre puoi trovare l’haggis confezionato nel supermercato di modo che quando arrivi a casa puoi aggiungere gli ingredienti che più ti piacciano.

Come vedi, esistono molte opzioni per provare questo piatto scozzese. Quindi, dove possiamo mangiare l’haggis? Beh, in quasi tutti i pub e ristoranti, ma ne abbiamo evidenziati alcuni appositamente per te.

The Last Drop Tavern

The Last Drop

Oltre ad essere un luogo ideale per mangiare l’haggis, questo pub di Edimburgo è conosciuto in tutto il mondo per un’altra questione che non può essere trascurata: il patibolo. Questo locale si trova nella piazza di Grassmarket (a due minuti dal Royal Mile), dove un tempo vi era un mercato del bestiame. Ma con il passare del tempo avrebbe dovuto far fronte ad altre evenienze, venne così costruita un’impalcatura per impiccare i nemici ed indesiderati di ogni specie.

E ‘aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 1:00, potrete quindi venire in qualsiasi momento della giornata per provare l’haggis, il salmone o una delle loro specialità – Ah, dimenticavo! Se sei vegetariano, non ti preoccupare, cucinano haggis per vegetariani a base di funghi, carote, cipolle, piselli, arachidi, ecc. Adesso non esistono scuse!

Deacon Brodie’s

Deacon Brodies

Nel cuore del Royal Mile si trova il ristorante in onore di uno dei cittadini più famosi di Edimburgo, Deacon Brodie. L’uomo che ha ispirato Robert Louis Stevenson a creare il famoso personaggio bipolare, il dottor Jekyll e Mr. Hyde. Il signor Bride ha condotto una doppia vita, consigliere comunale e fabbro allo stesso tempo. È uno dei pub più visitati, sia per la sua posizione centrale sia per l’haggis.  Anche in questo caso è possibile trovare la versione vegetariana.

A proposito, se vuoi saperne di più su questo fabbro ispiratore,potrai partecipare al nostro tour a piedi per la città di Edimburgo.

The Little Inn

Little Inn

Little Inn – I. Pozo

Nello stesso Royal Mile troviamo un altro stabilimento dove possiamo assaporare l’haggis. In questo caso si tratta di cibo da asporto(take-away).In questo piccolo negozio è possibile acquistarlo per portarlo dove vuoi.In questo modo non perderaiun sacco di tempo se non disponi di molti giorni per visitare la città. La cosa migliore di questo take-away è che permette di combinare i rolls con ciò che dispongono, potrai  dunque ordinare l’haggis servito bacon o salsicce. A proposito, se non ti piace molto il piccante, fai attenzione, poiché è l’haggis più piccante che si trova in giro per la città.

Macsween of Edinburgh

Mcsween

Questa azienda produce in serie l’haggis, dunque potrai trovarlo confezionato in qualsiasi supermercato e pronto per essere cucinato. Producono haggis tradizionali di agnello o vitello, haggis vegetariano e haggis con un piccolo pudin. È inoltre possibile trovare l’intero pezzo di haggis per cucinarlo tu stesso. Sono disponibili in diverse dimensioni ed inoltre sono accompagnati da una salsa di whisky. Il negozio ufficiale si trova un po’ lontano dal centro, su Dryden Road, ma nei supermercati si possono trovare le diverse varietà.

Oltre a questi, potrete scoprire altri locali altrettanto validi nella nostra lista completa dei migliori pub della Old Town.

  • Edi

    Leggo gli ingredienti e penso a cosa ordinare di alternativo . O mangerò solo il purè di patate e rapa.. Lo servono e lo guardi, c’è anche la salsa a l whisky. Poi il primo boccone lo mando giù per curiosità, il secondo perché chi l’ha già mangiato mi rassicura che è buono. Alla fine il piatto è vuoto. E’ molto buono.
    Questo per me e molti compagni di viaggio.
    Gran Tour di Scozia, 9 luglio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *