Dubbi? Prenotazioni last minute? CHIAMACI WhatsApp

Prenotazioni last minute? Chiamaci

Haggis

Haggis, Neeps and Tatties: una ricetta tipica scozzese

12 September 2018 Tempo di lettura 3 min 0 recensioni

Se non l’hai ancora assaggiato e vorresti conoscerlo, ritieniti fortunato! Qui ti spiegheremo dove è nato e in che cosa consiste questo piatto tipico scozzese.

L’haggis è conosciuto attualmente come una pietanza tipica scozzese, ma in realtà non esistono dati storici che lo confermino. Infatti, prima che l’haggis venisse mangiato in Scozia, erano già state menzionate alcune varianti del termine, come ‘haggies’ o ‘hageses’ in alcune poesie scandinave ed inglesi.

Per non prolungare ulteriormente l’attesa e quindi scoprire cos’è realmente l’haggis, bisogna sapere che è composto da polmoni, fegato, stomaco e cuore. Insomma, l’haggis nasce da quelle parti dell’animale che di solito vengono scartate. Queste sono generalmente estratte dalle pecore, ma possono anche essere d’agnello o di vitello.

Le interiora vengono macinate e mescolate con un po’ di cipolla tritata, farina d’avena, erbe aromatiche, spezie a piacere e sale. Poi, bisogna solo inserire questo composto in un budello di origine animale e lasciarlo cuocere per diverse ore. Insomma, una ricetta molto semplice.

Il risultato è un sapore alquanto particolare, simile al sanguinaccio. Non molto tempo fa, per realizzare questo composto, si introducevano gli ingredienti direttamente nello stomaco della pecora, dove rimanevano per circa 3 ore. Al giorno d’oggi, questi sono insaccati in  un intestino di origine naturale.

Haggis, neeps and tatties

La possibile origine dell’haggis

Sull’origine dell’haggis – ovvero chi, come, quando e dove si inizia a cucinare – sono state formulate diverse teorie.

La più accertata ha a che fare con i pastori delle Highlands. Gli uomini che viaggiavano per ore, o addirittura giorni, con il loro bestiame, dai villaggi a Edimburgo, dovevano mangiare durante il tragitto. Di fronte a questa necessità, le donne sfruttarono ciò che avevano a portata di mano, ovvero le pecore. Così crearono questa semplice composto  che veniva trasportato all’interno dello stomaco dell’animale per proteggerlo dalle intemperie e poterlo conservare senza problemi.

Altre teorie sostengono che la tradizione dell’haggis proviene dai clan. Quando il capo di un clan uccideva un animale ne distribuiva le parti, lasciando gli scarti ai meno fortunati.

Se vuoi saperne di più su questa pietanza e vuoi metterti nei panni di un pastore delle Highlands, devi solamente prenotare il nostro viaggio a Loch Ness e le Highlands.

Nonostante le origini incerte, quello che è certo è che in Scozia il suo consumo è aumentato dopo la pubblicazione di una poesia di Robert Burns,  intitolata Address to a Haggis. In essa il poeta elogia l’haggis definendolo una meravigliosa ricetta a portata di tutti e non solo l’umile pasto di un pastore povero. Burns assicura che chiunque può assaporare questo piatto, incluso lui stesso. Grazie alla popolarità della sua poesia, l’intero paese volle provare questa pietanza.

Oggigiorno, in omaggio al poeta che lo ha reso un pasto tradizionale, ogni 25 gennaio (compleanno di Robert Burns) ha luogo una cena speciale. È conosciuta come la Burns Supper (la cena di Burns).  L’haggis viene mangiato accompagnato dalla bevanda che tanto amano gli scozzesi, il whisky. È un evento che viene organizzato in tutte le case e festeggiato in grande stile. Inizia con un benvenuto a tutti gli ospiti da parte del padrone di casa e prosegue con alcuni momenti di musica in onore del protagonista della festa. Prima che l’haggis venga servito, viene recitata la poesia ad esso dedicata, dopodiché, tutti a tavola! Dopo la cena, il padrone di casa ringrazia nuovamente gli ospiti per la loro partecipazione e si recita un’altra poesia di Burns o si racconta un aneddoto della sua vita . Insomma, una serata con un clima molto familiare.

la cena di Burns
La cena di Burns – wikimedia.org, Kim Traynor

Dove posso mangiare l’haggis?

Se vieni in Scozia e l’hotel dispone della tipica colazione scozzese (full Scottish breakfast), mangerai l’haggis di primo mattino. Altrimenti, è possibile trovarlo sul menù di qualsiasi ristorante nel centro di Edimburgo. Viene servito con un purè di patate (tatties) ed un purè di rapa (neeps). Inoltre, puoi trovare l’haggis al  supermercato, questo ti permette di cucinarlo in casa aggiungendo gli ingredienti che preferisci.

Come vedi sarà difficile lasciare la Scozia senza aver provato il suo piatto tradizionale. Ricapitolando, dove posso gustare l’haggis? Beh, in quasi tutti i pub e ristoranti, ma ne abbiamo scelti alcuni appositamente per te.

The Last Drop Tavern

The Last Drop

Oltre ad essere un luogo ideale per mangiare l’haggis, questo pub di Edimburgo è conosciuto in tutto il mondo per un’altra questione che non può essere trascurata: il patibolo. Questo locale si trova nella piazza di Grassmarket (a due minuti dal Royal Mile). Un tempo vi si organizzava il mercato del bestiame, ma con il passare degli  anni si dovette adattare ad altre funzioni. Venne così costruita un’impalcatura per l’impiccagione di nemici e delinquenti di ogni sorta.

Il locale è aperto tutti i giorni dalle 10:00 all’1:00. Potrete quindi andarci in qualsiasi momento della giornata per provare l’haggis, il salmone o una delle loro altre specialità – Ah, dimenticavo! Se sei vegetariano, non ti preoccupare, cucinano haggis per vegetariani a base di funghi, carote, cipolle, piselli, arachidi, ecc. Non ci sono scuse!

Deacon Brodie’s

Deacon Brodies

Nel cuore della Royal Mile si trova il ristorante che omaggia uno dei cittadini più famosi di Edimburgo: Deacon Brodie, l’uomo che ha ispirato Robert Louis Stevenson a creare il famoso personaggio bipolare, dottor Jekyll e Mr. Hyde. Il signor Bride conduceva una doppia vita, essendo allo stesso tempo consigliere comunale e fabbro. È uno dei pub più visitati, sia per la sua posizione centrale che per l’haggis, di cui, anche qui è possibile trovare la versione vegetariana.

A proposito, se vuoi saperne di più su questo fabbro ispiratore, partecipa al nostro tour a piedi per la città di Edimburgo.

The Little Inn

Nella stessa Royal Mile troviamo un altro locale dove possiamo assaporare l’haggis. In questo caso si tratta di cibo da asporto(take-away). In questo piccolo bar è possibile acquistarlo per portarlo con te. In questo modo non perderai tempo se rimani pochi giorni e vuoi approfittarne per visitare la città. La cosa migliore di questo take-away è che permette di combinare i rolls (un tipo di pagnotta) con altri ingredienti. Potrai dunque ordinare l’haggis insieme a bacon o salsicce. A proposito, se non ti piace molto il piccante, fai attenzione, perché è l’haggis più piccante della città.

Macsween of Edinburgh

Mcsween

Quest’azienda produce e confeziona haggis per la vendita nei supermercati, già pronto per essere cucinato. Elabora haggis tradizionale di agnello o vitello, haggis vegetariano e haggis di maiale accompagnato da un piccolo pudding. È inoltre possibile trovare porzioni intere di haggis da cucinare in casa disponibili in diverse quantità e accompagnate da una salsa al whisky. La sede principale si trova un po’ lontano dal centro, su Dryden Road, ma nei supermercati potrai trovare tutte le diverse varietà.

Oltre a questi, potrete scoprire altri locali altrettanto validi nella nostra Guida ai Ristoranti di Edimburgo o nella lista completa dei migliori pub della Old Town.

Commenta questo...

Non ci sono commenti al momento. Sii il primo a scriverne uno!

Voglio commentare!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Post correlati

Dove mangiare a Edimburgo: mappa interattiva e consigli
0 commentos

Oltre a visitare i monumenti emblematici o godere di uno splendido paesaggio, Edimburgo ha una cucina che vale la pena conoscere. Da qui vogliamo renderti la vita facile, quindi ti consigliamo di unirti a noi per una recensione dei principali locali. Potrai scegliere tra ristoranti scozzesi, se ciò che desideri è degustare la cucina locale, […]

Leggi di più…

Il Whisky e la Scozia
0 commentos

Un legame lungo secoli La parola Whisky deriva dal gaelico e significa “acqua della vita”. Il whisky viene elaborato a partire da tre ingredienti di base che non sono altro che orzo (che può essere sostituito con altri cereali come segale, grano o mais), acqua e lievito. La produzione Il processo di distillazione del whisky […]

Leggi di più…

Biglietto+visita guidata del Castello di Edimburgo
Hai a disposizione
22 tour in Scozia

Sono sicuro che ti interessa

Categorie in primo piano

Ti piace la Scozia?

Unisciti alla nostra community sui social network e scopri molto di più