Cosa vedere nella Old Town di Edimburgo

Alla scoperta della “Città Vecchia”

Stiamo per percorrere insieme uno degli itinerari storici di Edimburgo, la Città Vecchia, Old Town, cominciando dalla sua strada più rilevante, il Miglio Reale, The Royal Mile. Per non perdervi nelle le sue emblematiche viuzze, o close, che ne custodiscono i contorni, vi segnaleremo in questo post gli scorci più caratteristici, i parchi, i musei e gli edifici storici assolutamente da non perdere di questa parte della città. Vi raccomanderemo dove andare a fare shopping, senza perdervi tra gli innumerevoli negozi che inondano il Royal Mile e dove poter dormire se volete fermarvi proprio nel centro storico.

Seguiremo questo schema:

Breve introduzione storica

Nel 1995 la Old Town di Edimburgo è stata nominata Patrimonio dell’Unesco, riconoscimento che la città merita a pieno titolo.

La maggior parte del centro di Edimburgo è situata su un promontorio roccioso, un antico vulcano spento, che la rende visibile da diverse prospettive. I primi insediamenti, nella zona del castello, risalgono a più di 10.000 anni fa. Sono i Romani che ci parlano del primo nucleo urbano con un’attività intensa, abitato da un popolo bretone, i Votadini. Un borgo che poco a poco diviene città, acquistando sempre più importanza.

La miriade di viuzze che caratterizzano il centro storico fanno tutte capo al Royal Mile, la strada per eccellenza di Edimburgo, una lunga cicatrice lunga un miglio (1.6 km) e nata da una lingua di lava, che taglia in due il centro, estendendosi da est a ovest con la precisione di una bussola. Una via che per più di un millennio è stata teatro di caos e fermento cittadino e che ancora adesso continua ad essere un’arteria fondamentale di questa città, e un centro economico soprattutto per quanto concerne il settore del turismo.

Old Town Edimburgo

Old Town di Edimburgo, Fonte: Hansueli Krapf, url

La Old Town nasconde quindi le origini della città e ha subito grandi cambiamenti nel corso della storia, da quei primi insediamenti, passando attraverso le guerre d’indipendenza scozzesi e il Medioevo, fino a consolidarsi come capitale e sede della corte monarchica a partire dal 1437. Ma una serie di vicende fortuite, tra cui la sconfitta nella battaglia di Flodden (1514) contro gli inglesi, portarono la città a circondarsi di un’enorme cinta muraria. La Muraglia di Flodden chiuderà la città per più di due secoli, costringendo la popolazione più ricca e quella più povera a vivere gomito a gomito e a costruire palazzi sempre più alti per la mancanza di spazio. In quel periodo di pessime condizioni igieniche e sanitarie, dove gli animali vivevano in casa con le persone e i vasi da notte venivano svuotati dalle finestre, Edimburgo si era guadagnata in nome di Auld Reekie, la Vecchia Puzzolente. Questo fu anche il tempo delle grandi epidemie di peste, di numerose guerre ed esecuzioni, e di molti personaggi che hanno camminato nelle stesse strade che voi percorrete oggi… Se siete curiosi di conoscerli, potrebbe essere un’ottima idea quella di fare una passeggiata storica con una delle nostre guide italiane, alla scoperta dei segreti della Old Town!

Questo ammasso di case, vicoli e palazzi che costituiva allora Edimburgo conobbe un momento di distensione a partire dall‘unificazione tra Inghilterra e Scozia, quando ulteriori costruzioni diedero l’impulso per la realizzazione di un nuovo quartiere della città, la New Town, alla fine del 1700. I primi a trasferirsi furono i più ricchi, e la città vecchia restò il regno del popolo. Ma i palazzi sempre più fatiscenti cominciavano a crollare e alcuni quartieri furono danneggiati dai grandi incendi. Un secolo dopo l’architetto scozzese Patrick Geddes, dava vita ad un nuovo progetto urbanistico che conferiva alle vecchie strade del centro storico, un rinnovato splendore e fascino.

Una volta giunti a Edimburgo, con i piedi sul miglio reale e gli occhi sulla cartina, noteremo che questa strada assume nomi diversi: Canongate, High Street, Lawnmarket, Castle Hill. Niente paura, l’abitudine britannica vuole che strade troppo lunghe vengano divise in ramificazioni minori. La Royal Mile è lunga quasi due chilometri… a percorrerla tutta con lo stesso nome rischieremo di annoiarci!

Da visitare nella Old Town

castillo-edimburgo, Foto Ad Meskens, Edinburgh Castle, commons.wikimedia.org/wiki/File:Edinburgh_Castle_17.jpg

castello-edimburgo, Fonte: Ad Meskens,  own work, [CC BY-SA 3.0] via Wikimedia Commons

Oltre a fare sfoggio dei monumenti più belli di Edimburgo, la Old Town ci regala anche gli edifici più antichi e storicamente più affascinanti. Da un lato è possibile ammirare il palazzo di Holyrood House, all’interno del grande parco con lo stesso nome, e dall’altro il Castello, che si erge maestoso sulla collina che domina Edimburgo. La distanza tra questi due monumenti corrisponde a un miglio, proprio quel miglio reale, The Royal Mile, di cui parlavamo prima. Questa strada, la più importante della città, è ancora oggi costellata da diversi edifici e monumenti storici, a cui abbiamo dedicato un post a parte. Abbiamo anche stilato un elenco dei musei che vale la pena visitare nel caso la tipica pioggia tentasse di guastarvi la vacanza.

La Old Town nasce e si fortifica durante il Medioevo, momento storico in cui la religione si imponeva in maniera massiccia soprattutto sulle abitudini quotidiane di questa città. Le vicende religiose costituivano il sottofondo di ribellioni ed esecuzioni, che hanno cambiato il volto della Scozia in maniera irreversibile. Inevitabile non avvertirne la presenza, ancora oggi, nelle numerose chiese ed edifici religiosi che dominano il profilo della città. E per completare il quadro, date un’occhiata anche ai cimiteri in cui vale la pena passeggiare se invece il sole farà capolineo da dietro le nubi.

Da non perdere

La bellezza della capitale scozzese non si trova solo nelle maestose costruzioni, simbolo dei poteri che hanno attraversato questa città, ma anche negli scorci più nascosti, nelle viste inaspettate del paesaggio circostante che si aprono tra un palazzo e l’altro e nelle corti più segrete nel labirinto di viuzze. Ecco quindi un piccolo elenco dei luoghi assolutamente da non perdere nella Old Town di Edimburgo, che appagheranno la vostra curiosità e vi assicureranno foto spettacolari.

  • Whitehorse Wynd, il Close del Cavallo Bianco

    Close di White Horse

    White_Horse_Close, Fonte: Kim Traynor, [CC BY-SA 3.0] via Wikimedia Commons

    Proprio di fronte al parlamento si trova un close molto particolare, le cui origini risalgono al XVI secolo, quando qui sorgevano le scuderie del palazzo di Holyrood e la Regina di Scozia Maria Stuarda aveva messo a dimora qui il suo amatissimo e famoso palafreno bianco. In realtà il nome deriva dalla denominazione dell’osteria in cui i cavalieri della corona, che arrivavano o partivano da Edimburgo, si fermavano per riscaldarsi con un breve ristoro. Vale la pena entrare nel close e concedersi qualche istante per un viaggio nel tempo verso un’epoca medievale. Ancora oggi questo luogo conserva l’incanto di una volta, e la vecchia osteria è oggi uno dei pub più antichi della città.

Indirizzo: 27, Canongate, Royal Mile, Edimburgo.

  • The Scotmans Stairs

Giusto sulla destra dell’entrata dell ‘Hotel “The Scotsman”, l’imponente edificio in mattoni su North Bridge, si trovano delle scale pubbliche che collegano questa strada con quella di livello inferiore. Cos’hanno di speciale queste scale? Oltre a dare accesso diretto alla stazione dei treni Waverly Station, e quindi essere un’ottima scorciatoia utile a non perdere il treno, ognuno dei 104 gradini che la compongono è costruito con un diverso tipo di marmo, proveniente da differenti parti del mondo.

Scale di "The Scotsman Building"

Scale dell’edificio The Scotsman, Fonte: kim Traynor, CC, url

Indirizzo: 20, North Bridge, Edimburgo.

  • Mercat Cross

Questa struttura, situata davanti alla facciata posteriore della cattedrale di St. Giles, è solo una delle tanti “croci di mercato” presenti in Scozia e in generale in tutto il territorio britannico. Meno ornamentali di come le vediamo adesso, e fatte di legno, queste strutture indicavano non soltanto il luogo del mercato e degli accordi commerciali, ma erano anche il mezzo di comunicazione tra la famiglia reale e la popolazione. Ogni nuovo avvenimento che accadeva nel regno veniva annunciato da questi spalti dal Lord Provost, e anche molte esecuzione per crimini minori, come il furto, si consumavano alle croci di mercato. Ancora oggi alla città di Edimburgo piace conservare le sue tradizioni… per fortuna stiamo parlando di quella degli annunci reali! Incredibile ma vero, l’annuncio della proclamazione della regina Elisabetta II, nel 1952, è avvenuto proprio da qui, come anche la notizia della nascita del Royal Baby… 3 giorni dopo che la notizia era arrivata ai londinesi! Scoprite perchè nel nostro tour a piedi della città di Edimburgo.

Indirizzo: High Street, Royal Mile, Edimburgo

Da uno dei close del Miglio Reale si accede al mondo sotterraneo di Edimburgo, un’altra piacevole sorpresa situata nel cuore della Città Vecchia. La rivalutazione del centro dopo il 1700 ha portato alla demolizione e costruzione di diversi edifici, tra i quali l‘attuale comune di Edimburgo, le City Chambers. Ad un insieme di tre close interconnessi tra di loro fu tolto l’accesso alla luce e al cielo, e queste strade sono ancora oggi uno spettacolo rimasto immobile nel tempo, convertitosi in una delle attrazioni turistiche più invitanti della città, Mary King’s Close. L’alone di mistero e sofferenza che accompagna le storie degli abitanti di questa parte di Edimburgo è lo stesso che circonda i tour notturni della città organizzati da Scozia Tour: unitevi ad uno dei nostri tour dei fantasmi e scoprirete le leggende e le storie più spaventose e misteriose che fanno parte del tessuto di Edimburgo.

Indirizzo: 2, Warriston Close, High Street, Edimburgo.

  • The Heart of Midlothian

    Heart of Midlothian

Al lato destro della cattedrale di Saint Giles, facendo un po’ di attenzione, si scorge uno strano e inaspettato mosaico a forma di cuore, proprio nella pavimentazione della città. Mi raccomando, evitate di farvi le foto romantiche con la vostra metà, perchè questo cuore rappresenta ricordi ben più amari di una struggente storia d’amore. E’ il simbolo a ricordo del luogo dove sorgeva l’antico Tolbooth di Edimburgo, municipio, luogo dove si versavano le tasse, ma anche di prigionia e tortura… Un cuore che racchiude una varietà di storie e leggende e che deve il suo nome ad uno dei tanti romanzi di Sir Walter Scott, The Heart of Midlothian. Attualmente il cuore si associa ad una delle squadra calcistiche di Edimburgo, gli “Hearts of Midlothian”, elemento che aumenta la sua popolarità soprattutto nelle giornate di derby!

Indirizzo: alla destra della facciata principale della cattedrale, High Street, Edimburgo.

Salendo verso il castello, il Royal Mile diventa Castle Hill. Prestando attenzione all’ultimo edificio alla vostra sinistra, prima di arrivare al castello stesso, potrete notare una palla di cannone incastonata nella facciata. Penserete subito che si tratti dello strascico dell’attività bellica del castello durante i secoli, e invece no. Per vostra sorpresa si tratta dell’altezza massima calcolata dagli ingegneri dell’epoca per la canalizzazione dell’acqua in città, una vestigia del vecchio sistema.

Indirizzo: 352, castle Hill, Royal Mile, Edimburgo

  • Victoria Street

Questa strada rende Edimburgo una città preziosa, uno scenario che merita di essere fotografato da più di un’angolazione, sia di giorno che di notte. Costruita e modificata nel XIX secolo come arteria di comunicazione tra Grassmarket e Royal Mile, fu voluta dalla regina Vittoria, di cui oggi porta il nome, come strada dello shopping per la nobiltà dell’epoca. Abbellita da negozi di gastronomia e delicatessen, e da una terrazza spettacolare da dove poter godere di uno dei migliori panorami di questa zona, passeggiare per Victoria Street sarà una delle camminate più piacevoli di tutta la città, dove unire l’utile al dilettevole grazie ai numerosi negozietti di souvenir che qui si trovano.

Indirizzo: Victoria Street, Edimburgo.

  • Terrazza del Museo Nazionale Scozzese

A proposito di viste incredibili e terrazze… grazie alla struttura particolare della città, costruita su ben sette colli diversi, molti sono i luoghi da dove si può ammirare il profilo gotico della città. Tra i diversi, non perdetevi la vista all’ultimo piano del bellissimo Museo Nazionale. Qui si trova una piattaforma da dove ammirerete soprattutto la parte sud della città, e anche un’ottimo ristorante dal quale lasciar vagare lo sguardo sul panorama notturno della capitale scozzese, The Tower Restaurant.

Indirizzo: Chambers Street, Edimburgo.

 

Spazi Verdi

Costellata di stradine, angoli e cortili, la Città Vecchia è un luogo magico e pieno di sorprese, alcune di queste rappresentate da inaspettati spazi verdi. Deliziosi piccoli rifugi dal caos della città dentro la città. Scopriamoli insieme:

panchina-parco, PublicDomainPictures, http://pixabay.com/en/park-bench-bench-seat-seats-rest-72913/

panchina-parco, PublicDomainPictures, url

Cornice unica e spettacolare dell’abbazia di Holyrood, che già di per sé è uno scenario spettacolare, questa vasta oasi di verde è una vista rigenerante, nonché una delle aree naturalistiche più grandi della città. Per farvi un’idea, ha un’estensione pari a circa 250 campi di calcio! Una grande macchia verde che si impone alla vista sulla cartina della città, e che contiene all’interno molte attrazioni paesaggistiche. Per citarne qualcuna:

 1. Arthur’s Seat

Un gigantesco sasso di 251 metri d’altezza, ricoperto di verde, che gli abitanti di Edimburgo adorano percorrere nelle domeniche soleggiate. Il picco più alto del complesso collinoso, offre una vista sorprendente della città, da cui è possibile scattare qualche foto per immortalare il vostro viaggio! Frutto dell’estinzione e dell’erosione del vulcano che una volta dominava queste zone, oggi Arthur’s Seat è uno dei sette colli che compongono la città.

Indirizzo: estremo est della Royal Mile, parco di Holyrood

2. Saint Margaret Loch

Un piccolo lago, all’interno del parco di Holyrood. Si tratta di un lago artificiale che durante il XIX secolo veniva usato come pista di pattinaggio sul ghiaccio. È un luogo molto amato e frequentato dagli abitanti di Edimburgo. In primavera ospita una colonia di cigni e, in autunno, altre specie, come l’oca grigia, che si ferma qui durante il suo itinerario verso le aree settentrionali. Una buona opzione per gli appassionati di avifauna.

Indirizzo: Parco di Holyrood

-st-margaret's-loch, Nachosan, Looking south over St Margaret's Loch, towards St Anthony's Chapel, http://en.wikipedia.org/wiki/Holyrood_Park

-st-margaret’s-loch, by Nachosan, url

Passeggiando per la Royal Mile, guardarsi intorno è un imperativo. Perché alcuni dei close che costeggiano questa strada, potrebbero nascondere chicche imperdibili, ad esempio:

Giardino di Dunbar’s Close. Fonte: Sir Gawain ©, [CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

  • Dunbar Close

    Giardino pubblico, in stile francese, occupato, fino al secolo XVIII, da una popolare taverna. Tra i suoi clienti abitudinari troviamo illustri personaggi della città, ad esempio il poeta Robert Burns.

Indirizzo: 137, Canongate, Royal Mile

Questo piccolo e insolito respiro di verde è dedicato a Sir Patrick Geddes, biologo, sociologo, geografo nonché pioniere dell’urbanistica. Acceso sostenitore degli spazi verdi all’interno della città, a lui si deve la ricchezza di molti giardini che abbelliscono Edimburgo. vorreste averne una lista? Niente paura, ci abbiamo pensato noi, a suggerirvi i giardini migliori di tutta Edimburgo!

Indirizzo: 11-18, West Port Street, Edimburgo

Shopping

The Old Town Bookshop

Libreria The-Old-Town-Bookshop, Fonte: kim traynor, [CC Licence 2.0], via geograph.org

Per tutti i turisti preoccupati per il souvenir dell’ultimo momento, no problem! Edimburgo, in particolare la Città Vecchia, offre una vasta gamma di negozi per tutte le tasche e necessità:

  • Negozi di souvenir sul Royal Mile

Il Royal Mile è imbattibile per la quantità di negozi che espongono kilt e sciarpe di puro cashmere, o di lana e tweed, così come i classici portachiavi o le calamite. Senza tralasciare articoli di artigianato celtico o di magia (the Guru shop ad esempio), che faranno felici i collezionisti. Se invece il vostro sogno è un vestito tipico scozzese su misura, correte da Geofreyes Tailor.

  • Negozi di Natale

The Old Christmas Shoppe e The Nutcraker Christmas Shop, si trovano sul Royal Mile e sono due negozi di prodotti natalizi aperti tutto l’anno, completamente dedicati alle decorazioni più originali. Vi consigliamo pertanto di farci un salto per portare a casa un bel ricordo natalizio, qualunque sia l’epoca dell’anno in cui visitate la città. Se vi interessa scoprire le tradizioni del Natale scozzese, abbiamo per voi un post sul Natale a Edimburgo.

Indirizzo: 145, Canongate e 82, Highstreet, Royal Mile

  • Farmer’s Market e Grassmarket

    Piazza di Grassmarket

    Piazza-di-Grassmarket, Fonte: David Dixon, CC Licence,The-grassmarket, url

Farmer’s Market, ovvero il mercato dei contadini, è un mercatino molto accogliente di prodotti della gastronomia e della campagna scozzese tra cui formaggi, salmone, baccalà, aringa, frutta e verdura. Non mancano i prodotti biologici e qualcosa da mettere sotto i denti al momento. Come perdersi, poi, le famose birre artigianali, i liquori e le marmellate fatte in casa?

Indirizzo: Castle Terrace e Grassmarket
Orario: Sabato dalle 9 am alle 2 pm

Ancora, non perdetevi l’incredibile attrazione vintage di tutta la città, Armstrong Vintage Emporium o il negozio di fossili, ,Mr Wood´s Fossils, oppure The Old Town Bookshop, una delle librerie più antiche della città, infine Fabhatrix, se volete portarvi a casa un bel cappello per ripararvi dal vento del Nord!

Indirizzi:

Armstrong Vintage Emporium, 83, The Grassmarket

Mr Wood´s Fossils, 5, Cowgatehead

The Old Town Bookshop, 8, Victoria Street

Fabhatrix, 13 Cowgatehead

  • The Cavanach

Uno spazio sorprendentemente minuscolo, che a prima vista non sembra poter ospitare l’effettiva quantità di oggetti e curiosità che rappresentano la vita degli abitanti della città vecchia di Edimburgo. Un vero e proprio tesoro per gli appassionati di antiquariato vittoriano o georgiano, o, perché no, pezzi d’epoca ancora più antichi.

Indirizzo: 49, Cockburn Street

Alloggi

Il labirinto che forma la Old Town propone una grande quantità di luoghi dove poter soggiornare durante il vostro viaggio a Edimburgo. L’offerta è molto varia e si adatta a tutte le tasche e qui di seguito vi suggeriamo qualche nome. Se invece preferite fare una ricerca più ampia in tutta la Old Town di Edimburgo basta cliccare qui.

  • Soggiorni esclusivi

Fonte: Ronnie Macdonald from Chelmsford, [CC BY 2.0] via Wikipedia Commons

Fonte: Ronnie Macdonald from Chelmsford, [CC BY 2.0] via Wikipedia Commons

Per chi fosse alla ricerca di un soggiorno unico e vistoso, con tutte le comodità e attenzioni al dettaglio, per una fascia di prezzo tra i £150 e i £350 per notte, menzioniamo senza dubbio il Carlton Hotel, in posizione invidiabile sulla strada del North Bridge, a metà strada tra Old Town e New Town. Giusto di fronte, si può optare per The Scotsman, uno degli edifici storici più conosciuti della Città Vecchia, che ospitava il famoso giornale scozzese omonimo. Per un hotel dal tocco moderno e dal design raffinato, G&V Royal Mile, vecchia sede del Missoni, per alloggiare precisamente sulla Royal Mile.

  • Soggiorni standard

Se vi accontentate di hotel di categoria standard, la Old Town offre strutture confortevoli tra i £50 e i £150 per notte. Segnaliamo ad esempio il Jury´s Inn, facilmente accessibile dalla stazione dei treni, i vari Ibis, che garantiscono un marchio di gran reputazione, così come gli Apex, situati in Grassmarket, una delle piazze storiche della città. In questa lista di posti economici dove dormire nel centro di Edimburgo troverete sicuramente quello che fa per voi. Un’altra opzione può essere anche quella degli appartamenti, sempre rimanendo sul Royal Mile.

  • Ostelli

    Backpackers

    Backpacker’s Hostel Edimburgo. Fonte: A. Cascallana

Se l’alloggio non è tra le vostre priorità, potete sempre scegliere un’opzione più economica, tra le sistemazioni che si mantengono in una fascia di prezzo tra i £15 e i £25 a notte. I più conosciuti sono: Cowgate, un ostello situato nella strada dello stesso nome a pochi passi da Grassmarket, così come The Backpackers, nella stessa strada. Una posizione ottima e comoda per passeggiare nel centro della città. Ancora, il Castlerock hostel, dalla bellissima vista sul castello di Edimburgo.

Questa città custodisce gelosamente posti, luoghi e monumenti sorprendenti e degni delle migliori cartoline o foto ricordo. Nessun viandante resiste al fascino della Old Town. Passeggiare per questa parte della città significa perdersi tra gli edifici dal colore rossastro e nerastro della pietra lavica, che per secoli hanno conferito alla città l’appellativo di “Auld Reaki” ossia “Vecchia Fumante”. A questa aggiungiamo una spolverata di muschio verde su guglie e pinnacoli, ed ecco che Edimburgo è trasformata in uno scenario d’altri tempi, che vale la pena visitare in tutte le stagioni dell’anno.

Facebook

sara

Posts

Facebookyoutube

No Comments

Be the first to start the conversation.

Leave a Reply

Text formatting is available via select HTML. <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*